territorialeLista News

“70 anni portati bene. La Costituzione oggi”. A Torino i notai ideano e avviano in collaborazione con il Circolo dei Lettori un ampio progetto per portare la Costituzione nelle scuole, in carcere, in teatro, nei luoghi pubblici

In occasione del 70esimo anniversario della Costituzione della Repubblica Italiana, il Circolo dei Lettori di Torino ha avviato a partire da febbraio 2018 il progetto “70 anni portati bene. La Costituzione oggi”.

L’iniziativa, ideata e curata dai notai Giulio Biino e Fabrizio Olivero del Consiglio Notarile dei Distretti riuniti di Torino e Pinerolo, è nata con l’idea di illustrare in modo originale e accessibile a tutti la carta d’identità dell’Italia, nella certezza che la conoscenza è alla base della comprensione e, dunque, di una migliore libera convivenza fra cittadini consapevoli.

“Portare la Costituzione nelle scuole, in carcere, in teatro, nei luoghi pubblici vuol dire portare avanti un lavoro di divulgazione culturale fondamentale per una società migliore in cui l’uomo, con i suoi valori, diritti e doveri, sia al centro del discorso e delle azioni”, sostiene infatti il Presidente del Consiglio Notarile di Torino Giulio Biino.

“In questo tempo di incertezze politiche, sociali, esistenziali - riporta il Notaio Fabrizio Olivero - è più che mai necessario conoscerne e comprenderne la storia, le parole, il significato profondo in modo da fare propri i valori della cultura che condividiamo e i principi su cui fondiamo il nostro essere Italiani”.

Gli incontri, calibrati con format diversi in base al target, sono organizzati come un viaggio nei diritti attraverso uno storytelling che, pur mantenendo un fondamento scientifico, sia anche spettacolo, con poesie, libri, video e musica.

I diversi target del progetto sono: il pubblico generico, per ricordare il passato e non perdere fiducia nel futuro; gli studenti delle scuole primarie, secondarie di I e II grado, perché sono i cittadini di domani; i migranti e i rifugiati, in collaborazione con l’associazione Articolo 10 onlus di Torino, perché diventino “nuovi” cittadini consapevoli e i detenuti delle Case Circondariali di Torino e di Novara; carcere minorile di Torino, perché compito del carcere è educare.

Il progetto tratta i seguenti argomenti: Come nasce la Costituzione. Quale democrazia sognavano i padri costituenti? e Quali i necessari compromessi che portarono alla nascita di una magnifica utopia?. I principi fondamentali. Ogni articolo della Costituzione nasconde una storia. Dai principi costituzionali emergono gli italian heroes: Fulvio Croce, Giorgio Ambrosoli, Luigi Calabresi, Boris Giuliano, Carlo Casalegno, Peppino Impastato, Pio La Torre, Guido Rossa e molti altri. Un tesoro da migliorare. La Costituzione può essere riformata? Grandi dibattiti culturali agitano il Paese: la libertà di espressione e le fake news, il diritto alla salute e il fine vita, il fenomeno dei migranti e lo ius soli. Tutti, nessuno escluso, trovano uno spunto nella Costituzione.

Cosa è stato già fatto?

Per il pubblico generico, da gennaio ad aprile 2018, sono stati organizzati a Torino 3 appuntamenti alla presenza di 400 partecipanti e a Novara 1 incontro con 100 persone.

Per quel che riguarda gli incontri con le scuole, tra gennaio e aprile 2018, a Torino sono stati organizzati 2 appuntamenti per 100 studenti delle scuole primarie e 6 appuntamenti per 350 studenti delle scuole secondarie di primo grado e altri 6 incontri per 400 studenti delle scuole secondarie di secondo grado. A Novara 2 appuntamenti con 100 studenti delle scuole secondarie di primo grado e 250 studenti delle scuole secondarie di secondo grado.

Cosa stiamo facendo?

Il 14 e il 21 maggio i Notai Giulio Biino e Fabrizio Olivero si recheranno  presso la Casa Circondariale Lorusso e Cutugno di Torino per spiegare la Costituzione a 300 detenuti. ll Presidente del Consiglio Notarile Biino riporta: “Parleremo dell'articolo 13 della nostra Carta costituzionale, quello sulla privazione della libertà e sulla carcerazione preventiva, e poi dell'articolo 27 sulla presunzione di innocenza e sulla pena che deve tendere alla riabilitazione”.

Inoltre si terranno a breve altri 2 incontri con migranti e rifugiati, in collaborazione con l’associazione Articolo 10 onlus di Torino.

Cosa faremo?

Altro obiettivo dell’iniziativa è portare il progetto in zone troppo spesso lasciate ai margini, luoghi difficili dove maggiore è la necessità di aiutare i ragazzi a conoscere e accogliere i valori alla base della Costituzione, per essere cittadini consapevoli.

Per questo a ottobre 2018 il progetto arriverà nelle scuole in periferia.

Download