nazionaleLista News

“Chiamati all’eredità”: Cavour e De Nicola fra i protagonisti della Mostra che racconta la storia della dichiarazione di successione e promossa da Entrate, Archivio di Stato e Notariato

E' stata inaugurata oggi all’Archivio di Stato di Torino la mostra "Chiamati all’eredità. Dalla carta al digitale". L’esposizione, che sarà aperta al pubblico con ingresso gratuito fino al 18 gennaio, propone un viaggio alla scoperta del tributo che accompagna da lunghissimo tempo le vicende successorie dei contribuenti mediante l’ostensione di una ricca selezione di documenti e oggetti d’epoca, modelli di dichiarazioni e antichi testamenti di personaggi illustri del patrimonio storico-politico culturale italiano come i testamenti di Vittorio Emanuele I, di Camillo Benso Conte di Cavour, di Giovanni Agnelli senior, la denuncia di successione del re Vittorio Emanuele II, il testamento del presidente Enrico De Nicola e molto altro ancora.

La dichiarazione di successione da ieri a oggi  - L’iniziativa è finalizzata a rendere note le origini dell’imposta  che risalgono all’Antico Oriente e i diversi significati che ha assunto nel corso delle varie epoche storiche fino ad arrivare all’età contemporanea con la dichiarazione di successione telematica che può essere presentata da chi è abilitato ai servizi on line delle Entrate, con l’ulteriore vantaggio di valere anche come domanda di voltura catastale con risparmio di tempo e risorse per i cittadini.

La mostra, promossa dall’Agenzia delle Entrate in collaborazione con il Consiglio Nazionale del Notariato, vanta il patrocinio del Ministero dell’Economia e delle Finanze e del Ministero dei Beni, delle Attività Culturali e del Turismo.

"Chiamati all’eredità. L' evoluzione della dichiarazione di successione dalla carta al digitale"
Archivio di Stato Torino - Sala Esposizioni - Piazzetta C. Mollino - Torino

Gli orari della mostra:
da Mercoledì 20 dicembre 2017
a Giovedì 18 gennaio 2018
lunedì - venerdì ore 10.30-18.00
Giornate di apertura straordinaria:
23 dicembre 10.30-18.00 e 24 dicembre 10.00-16.00