Impresa

Come costituire una società? Quale tipologia risponde meglio alle proprie esigenze e agli scopi da raggiungere? È consigliabile rivolgersi per tempo al notaio per programmare la nascita e la vita di un’impresa. Leggi la sezione per saperne di più.

Casa

L’acquisto di una casa è certamente una delle operazioni economiche più importanti nella vita di una persona e il notaio per legge tutela acquirente e venditore. Visita la sezione per capire quali sono i passaggi da seguire prima del rogito e acquistare un immobile in totale sicurezza.

Famiglia

Famiglia e rapporti di parentela; donazioni e successioni; come tutelarsi in caso di convivenza o modificare il regime patrimoniale del matrimonio. Approfondisci tutto quello che c’è da sapere nella sezione e scopri come il notaio può aiutarti.

You are here

nazionaleLista News

Il Notariato partecipa all'Expo Consumatori 4.0 (Roma, 11-13 maggio 2018)

Il Consiglio Nazionale del Notariato, nell’ambito della consolidata collaborazione con le principali Associazioni dei Consumatori italiane, partecipa all’Expo Consumatori 4.0, la prima esposizione italiana dedicata ai consumatori, alle sfide e alle opportunità che li riguardano, che si tiene a Roma dall’11 al 13 maggio 2018, presso l’Auditorium Parco della Musica (Viale Pietro de Coubertin 30).

L’esposizione, promossa e organizzata da Assoutenti e Rete Consumatori Italia, proporrà convegni, dibattiti e approfondimenti, ma anche momenti di spettacolo, con l’obiettivo di offrire spunti di riflessione per i cittadini consumatori e utenti.

Il Notariato partecipa all’evento con un “punto informativo”, nelle giornate di venerdì 11 e sabato 12 (dalle ore 10.00 alle 16.30), in cui i notai del Consiglio Notarile di Roma forniranno ai visitatori interessati un primo orientamento su temi di interesse notarile come casa, mutuo, successioni e donazioni e tutela delle fragilità, ecc.

Nella giornata di sabato 12 maggio, alle ore 11.30, il Notariato sarà presente, inoltre, alla tavola rotonda dedicata al tema “DALL’ACQUISTO ALL’EFFICIENZA ENERGETICA”.

Per maggiori informazioni sull'esposizione e per scaricare il programma: http://expoconsumatori.it/programma/

nazionaleLista News

“Libertà di sapere, libertà di scegliere” - Testamento biologico e lasciti solidali: focus sul diritto di scelta nel fine vita

Il diritto di decidere autonomamente, liberamente e consapevolmente sul fine vita, sia in relazione al proprio corpo che in relazione ai propri beni. Questi i temi al centro dell’incontro pubblico “Libertà di sapere, libertà di scegliere. Testamento biologico e testamento solidale: come decidere della propria vita e dei propri beni”, organizzato, in collaborazione e con il patrocinio del Consiglio Nazionale del Notariato, dalla Fondazione Umberto Veronesi, che da sempre promuove il dibattito pubblico su argomenti scientifici di attualità, temi controversi e questioni complesse minate dalla carenza di informazioni chiare e autorevoli.

L’iniziativa è in programma a Roma, nei locali del Roma Meeting Center (Largo dello Scautismo, 1), venerdì 11 maggio a partire dalle ore 10.30 ed è stata promossa al fine di fare luce, lungo il fil rouge del diritto di scelta sul fine vita, su due temi di strettissima attualità spesso bersagliati da inesattezze e vere e proprie fake news: il testamento biologico e il testamento solidale.

«L’incontro “Libertà di sapere, libertà di scegliere” nasce per fare chiarezza su due temi all’apparenza distanti, ma che hanno come denominatori comuni la libertà e la fiducia: libertà di scegliere cosa fare, in determinate circostanze e a determinate condizioni, del proprio corpo e libertà di scegliere come debbano essere utilizzati i propri beni nel rispetto delle proprie volontà e a favore delle generazioni future», spiega Monica Ramaioli, direttore generale della Fondazione Umberto Veronesi. «Per far sì che queste scelte siano condivise e accettate – aggiunge –  c’è bisogno, appunto, di fiducia: fiducia verso lo Stato, verso i medici, fiducia nei propri cari e fiducia nei confronti degli enti del terzo settore impegnati ogni giorno a favore della collettività per il raggiungimento di obiettivi condivisi».

Nel corso dell’iniziativa, anche alla luce della recente approvazione della legge sul testamento biologico e dell’interesse crescente degli italiani in relazione al testamento solidale, verranno offerte risposte chiare e dettagliate sull’importante e controverso tema dei diritti e delle scelte sul fine vita.

L’incontro pubblico, moderato dal giornalista della Fondazione Umberto Veronesi Fabio Di Todaro, sarà aperto dalla professoressa associata di Diritto costituzionale comparato presso la Facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Trento Cinzia Piciocchi, che parlerà delle novità e delle opportunità introdotte, sul fronte del testamento biologico, dalla legge "Norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento".

Seguirà l’intervento del Consigliere Nazionale del Notariato con delega al Sociale e al Terzo Settore Gianluca Abbate, che metterà in luce la centralità della figura del notaio rispetto al tema della certezza delle volontà ed esplorerà i risvolti pratici della legge sul testamento biologico. Far comprendere ai cittadini il valore giuridico dei propri diritti è, infatti, il primo passo per garantire il rispetto delle volontà individuali in vita e oltre la vita. «Bisogna annullare, attraverso la corretta e puntuale informazione, il rischio che lo strumento del testamento biologico si riduca  ad una firma frettolosamente apposta dal cittadino in calce a un modulo scaricato dal web», sottolinea Abbate, secondo cui «sarebbe paradossale che la stessa elevata attenzione da sempre riservata al testamento contenente le disposizioni patrimoniali – e quindi anche al testamento solidale oggetto di questo convegno – non venga rivolta ad un "testamento" che attiene al bene primario in assoluto: la vita».

Tra i relatori dell’incontro pubblico anche il bioeticista e ricercatore Fondazione Umberto Veronesi e CNR Marco Annoni, che parlerà dell’importanza della fiducia per l’autonomia delle scelte individuali.

Ferdinando Ricci, responsabile Marketing e referente Lasciti della Fondazione Umberto Veronesi, evidenzierà, infine, l’importanza del dono, con particolare riferimento al testamento solidale. «Negli ultimi anni la Fondazione ha assistito ad una crescita costante delle donazioni ricevute attraverso lasciti solidali», spiega Ricci, sottolineando che «i contributi raccolti attraverso questa modalità vengono investiti dalla Fondazione Veronesi per iniziative concrete: principalmente borse di ricerca scientifica e progetti di ricerca in ambito oncologico, cardiologico e delle neuroscienze. Tutti settori in cui le donazioni sono fondamentali». «Disporre un lascito solidale a favore degli enti del terzo settore – aggiunge Ricci - è un’azione importante che permette di dare continuità alle proprie scelte e ai propri interessi in favore delle generazioni future. Per effettuare un dono nel testamento non è necessario avere a disposizione grandi cifre: non esiste un tetto minimo di donazione, piccoli contributi da tante persone possono permettere di raggiungere obiettivi importanti a beneficio della collettività»

Uno studio della Fondazione Cariplo prospetta un sensibile aumento dei lasciti testamentari in Italia nel giro dei prossimi 15 anni, stimando che da qui al 2030 circa 420mila famiglie italiane utilizzeranno il testamento solidale per lasciare parte del proprio patrimonio a favore di cause sociali, scientifiche e umanitarie, nel rispetto dei diritti dei propri eredi.

Ingresso libero fino ad esaurimento posti.

Gradita conferma di partecipazione: 02.76018187; eventi@fondazioneveronesi.it

nazionaleLista News

#dopodinoi: insieme #sipuofare - "Dopo di noi", dal Notariato e dalle Associazioni proposta di un tavolo di lavoro per migliorare la legge

Si è svolto ieri  22 febbraio a Roma l’incontro pubblico organizzato dal Consiglio Nazionale del Notariato, insieme alle Associazioni per la tutela e i diritti delle persone con disabilità e alle Associazioni dei consumatori, per fare un bilancio sulla legge sul ‘Dopo di noi’ a quasi due anni dalla sua entrata in vigore.

L’impegno del Notariato è stato intenso e capillare nel corso degli ultimi anni e ha visto in particolare la diffusione insieme alle Associazioni dei consumatori nel maggio 2017 della 14^ Guida per il Cittadino “Dopo di noi, amministratore di sostegno, gli strumenti per sostenere le fragilità sociali” e l’organizzazione dell’Open day per la tutela delle fragilità sociali in 61 città italiane con eventi, convegni, attività di orientamento per spiegare e fornire informazioni ai cittadini.

L’incontro, alla presenza di rappresentanti politici dei diversi schieramenti, è servito per analizzare pregi e criticità della legge e segnalare una serie di proposte migliorative dell’impianto legislativo a vantaggio delle famiglie con disabili gravi.

  • Gli istituti previsti (trust, vincoli di destinazione ex art 2465-ter, contratto di affidamento fiduciario) vanno spesso a confliggere con problemi di natura ereditaria, come le eventuali lesioni della quota riservata ai legittimari, mettendo in evidenza la necessità di procedere ad una riforma sistematica della disciplina ereditaria. Si propone, in particolare, l’introduzione del patto successorio rinunciativo (come accade, ad esempio, nel diritto tedesco, svizzero, francese e austriaco), che permetterebbe ai legittimari di rinunciare a diritti che deriverebbero loro da una successione non ancora aperta.
  • Le criticità sono state rilevate soprattutto con riferimento ai patrimoni di modesta entità: il Testo Unico sulle donazioni e successioni già prevedeva per i disabili gravi una franchigia di 1.500.000 euro indipendentemente dal grado di parentela e affinità.
  • Il regime fiscale relativo alle imposte dirette è alquanto complesso. Con la finanziaria 2007 si è stabilito che il Trust è soggetto passivo Ires (imposta sul reddito delle società) con tutto ciò che questo comporta (necessità del supporto di un consulente, non applicabilità della disciplina della cedolare secca sugli immobili in affitto, dubbi sull’applicabilità del regime del prezzo valore per eventuali ulteriori acquisti di immobili, dubbi sull’applicabilità delle agevolazioni prima casa per citarne alcuni).
  • Sarebbe auspicabile che la platea dei beneficiari, ai fini dell’ottenimento delle agevolazioni ed esenzioni fiscali, fosse ampliata ricomprendendo non solo i disabili gravi ma anche i disabili non gravi, gli anziani non autosufficienti e altri istituti giuridici che mirano ad assicurare cura, assistenza e protezione ai disabili.
  • Sarebbe auspicabile dettare una normativa per il “contratto di affidamento fiduciario” che potrebbe diventare il trust italiano.

La giornata si è conclusa con la richiesta alla politica, per la nuova legislatura, della istituzione di un tavolo di lavoro che veda la partecipazione del notariato e delle associazioni al fine di adottare gli interventi normativi atti a migliorare la legge, apportandone i necessari correttivi.

Per approfondire l'argomento dall’Area Download è possibile scaricare la Guida per il Cittadino - "Dopo di noi", Amministratore di sostegno, gli strumenti per sostenere le fragilità sociali.

 

nazionaleLista News

#dopodinoi: insieme #sipuofare - Riflessioni e proposte per la prossima legislatura (Roma, 22 febbraio 2018)

Continua l’impegno del Notariato a tutela delle fragilità sociali. A due anni dall'entrata in vigore della legge 112/2016, cosa funziona e cosa c'è da cambiare? 

Giovedì 22 febbraio a Roma, presso l’Hotel Nazionale in Piazza Montecitorio 131, il Consiglio Nazionale del Notariato organizza un incontro pubblico dedicato al tema “La legge sul “Dopo di noi” a due anni dall'entrata in vigore. Riflessioni e proposte per la prossima legislatura” nel corso del quale i rappresentanti del Consiglio Nazionale del Notariato, delle Associazioni per la tutela e i diritti delle persone con disabilità e delle Associazioni dei consumatori incontreranno la politica.

Saranno presenti: Roberta Agostini - Liberi e Uguali, Giulia Bongiorno - Lega, Maurizio Gasparri - Forza Italia, Federico Iadicicco - Fratelli d'Italia, Elio Lannutti - M5S, Domenico Menorello - Noi per l'Italia, Annamaria Parente - PD, Carla Ruocco - M5S. Coordina l’evento Pierluisa Cabiddu, Consigliere Nazionale del Notariato. Modera: Giuseppe Caporaso, TV2000. E’ previsto l’intervento del Presidente del Consiglio Nazionale del Notariato, Salvatore Lombardo.

Per approfondire l'argomento dall’Area Download è possibile scaricare la Guida per il Cittadino - "Dopo di noi", Amministratore di sostegno, gli strumenti per sostenere le fragilità sociali.

Segui la diretta streaming dell'evento sulla nostra pagina Facebook https://www.facebook.com/ilnotariato

nazionaleLista News

"Pro-Rete PA", accordo tra Notariato e Dipartimento Pari Opportunità per favorire le donne ai vertici della Pubblica Amministrazione

Promuovere l’incontro tra domanda e offerta di professioniste negli organi di amministrazione e controllo delle società controllate dalle pubbliche amministrazioni ed enti pubblici. E’ questo l’obiettivo del protocollo sottoscritto oggi dal Consiglio Nazionale del Notariato e dal Dipartimento per le Pari Opportunità (DPO) della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Secondo i dati in possesso del DPO, nonostante la legge 120/2011 (cd. Golfo Mosca) abbia introdotto gli obblighi di equilibrio di genere e significativamente innalzato la presenza di donne al vertice delle controllate pubbliche producendo modifiche qualitative nei board, continua a sussistere, comunque, un numero non trascurabile di società controllate da Pubbliche Amministrazioni che, nel rinnovo dei propri organi sociali, hanno scelto di nominare donne ai propri vertici solo nel 5% dei casi.

La Banca dati “Pro-Rete PA” delle professioniste per le Pubbliche Amministrazioni è lo strumento individuato dal Dipartimento Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri per favorire l’individuazione di professioniste, secondo metodi semplici e trasparenti, e far conoscere ai decisori pubblici professionalità femminili da introdurre nelle posizioni di vertice con l’obiettivo di contribuire a promuovere la presenza femminile nei processi decisionali economici.

In base all’accordo, il DPO si impegna ad assicurare l’accessibilità alle donne notaio alla Banca dati “Pro-Rete PA” affinché possano mettere a disposizione della Pubbliche Amministrazioni ed enti pubblici le proprie competenze e professionalità promuovendo questo strumento presso le Pubbliche Amministrazioni e le società sotto il controllo di Pubbliche Amministrazioni.

Il Consiglio Nazionale del Notariato si impegnerà a diffondere la Banca dati tra le professioniste iscritte all’Albo Unico dei Notai, pari al 34% della categoria (la presenza femminile sale ad oltre il 42% tra i notai under 45), e a sensibilizzare gli Ordini territoriali ad organizzare eventi formativi ad hoc relativi alle previsioni della Legge n. 120 del 2011 e del D.P.R. 251/2012 e alle funzioni proprie dei componenti degli organi di amministrazione e controllo delle società controllate da Pubbliche Amministrazioni ed enti pubblici.

Gli ordini professionali rappresentano, in ragione delle competenze e conoscenze specialistiche proprie delle iscritte - garantite anche da percorsi di formazione e aggiornamento continuo - un importante bacino potenzialmente idoneo alla copertura di posizioni di vertice di società controllate da Pubbliche Amministrazioni e di enti pubblici; le professioniste potranno inserire il proprio curriculum nella Banca dati “Pro-Rete PA” mettendo le competenze acquisite a disposizione della Pubblica Amministrazione e, da parte loro, le Pubbliche Amministrazioni avranno un insieme di professionalità cui attingere per le nomine.


nazionaleLista News

#dopodinoi: insieme #sipuofare - Open Day per la tutela delle fragilità sociali

Sabato 27 maggio in 60 città italiane si svolgerà l’Open day per la tutela delle fragilità sociali: una giornata in cui i notai, insieme alle associazioni dei consumatori e alle associazioni per la tutela e i diritti delle persone con disabilità, saranno presenti con eventi, convegni, attività di orientamento per spiegare e fornire informazioni ai cittadini.

In quell'occasione verrà presentata la Guida per il Cittadino dedicata alla legge “Dopo di noi, amministratore di sostegno, gli strumenti per sostenere le fragilità sociali”, realizzata dal Consiglio Nazionale del Notariato con 13 Associazioni dei Consumatori (Adiconsum, Adoc, Adusbef, Altroconsumo, Assoutenti, Casa del Consumatore, Cittadinanzattiva, Confconsumatori, Federconsumatori, Lega Consumatori, Movimento Consumatori, Movimento Difesa del Cittadino, Unione Nazionale Consumatori).

La Guida, rivolta ai cittadini, spiega con un linguaggio semplice e chiaro gli strumenti giuridici predisposti dal legislatore a tutela delle fragilità sociali, a partire dalla recente legge sul “Dopo di noi” (n. 112/2016), all’amministratore di sostegno, all’inabilitazione e interdizione nonché alla sostituzione fedecommissaria. Il Notariato vuole così contribuire a fare conoscere questi strumenti, ad oggi ancora poco diffusi.

La legge sul "Dopo di noi" ha introdotto importanti agevolazioni ed esenzioni fiscali - in particolare per  la costituzione di trust, di vincoli di destinazione di cui all’articolo 2645-ter del codice civile e di fondi speciali, composti da beni sottoposti a vincolo di destinazione e disciplinati con contratto di affidamento fiduciario, anche a favore di onlus che operano prevalentemente nel settore della beneficenza- per le quali l’atto pubblico è requisito essenziale. Pertanto al notaio è attribuito un ruolo centrale di grande rilevanza, in sintonia con la funzione di pubblico ufficiale super partes che lo Stato gli ha assegnato.

Dagli ultimi dati Istat disponibili (2012-2013) si stima che il fenomeno della disabilità riguardi circa 3,2 milioni di individui, di cui 2,5 milioni sono anziani. Più alta la quota tra le donne, circa il 70% contro il 30% tra gli uomini. 1,8 milioni persone sono disabili gravi. Circa 540 mila hanno meno di 65 anni. La platea dei potenziali beneficiari della legge dopo di noi è di circa 127 mila disabili con meno di 65 anni privi di sostegno familiare, di cui circa 38 mila mancanti di entrambi i genitori e 89 mila con genitori anziani.

Circa la metà dei disabili gravi con meno di 65 anni grava completamente sui familiari conviventi. Rispetto alle circa 52 mila persone che vivono sole, una quota del 19% - pari a circa 10 mila persone - non può contare su alcun aiuto.

Guarda il video della campagna: 

Per l’occasione, il CNN ha scelto di comunicare sui social con l’hashtag  #sipuofare.

La Guida è scaricabile dal sito del notariato - Sezione TROVA GUIDA, dai siti delle associazioni dei consumatori e dai siti delle associazioni per la tutela e i diritti delle persone con disabilità.

In fondo alla pagina dall’Area Download è possibile consultare l'elenco delle città che hanno programmato l’Open Day e scaricare la Guida.

 

Pages