MENU

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE
DEL NOTARIATO

Studio 4-2007/A – Il decreto legislativo 6 febbraio 2007, n. 30: attuazione della direttiva 2004/38/CE relativa al diritto dei cittadini dell’Unione e dei loro familiari di circolare e di soggiornar

Autore:

Emanuele Calò

27/10/2014

In forza della disciplina in parola, i cittadini extracomunitari ritenuti “familiari” del cittadino comunitario richiedono dopo tre mesi di soggiorno alla questura competente per territorio di residenza, la “Carta di soggiorno di familiare di un cittadino dell’Unione” prevista da un decreto attuativo. Dopo cinque anni di soggiorno, i familiari hanno diritto al rilascio della “Carta di soggiorno permanente per familiari di cittadini europei”. Sia i familiari che (ovviamente) i cittadini comunitari, hanno diritto (art. 19, comma 1°) di esercitare qualsiasi attività economica autonoma o subordinata, il che, stante la genericità della formula, dovrebbe comportare una sostanziale libertà di porre in essere ogni negozio. Tuttavia, l’equiparazione col cittadino “nel campo d’applicazione del

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin