MENU

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE
DEL NOTARIATO

“La Costituzione diffusa”: Pasolini e Sciascia fuori dagli schemi, dialoghi e letture

RSS

28/04/2022

Nazionale

Dialoghi e letture per intrecciare la vita e l’opera di due intellettuali capaci di leggere la realtà politica, sociale e culturale italiana con costante partecipazione e altrettanto senso critico. Voci di oggi interpretano le parole di Pasolini e Sciascia per guardarli da una prospettiva inedita, nell’ambito della rassegna “La Costituzione diffusa”.

Con Giuseppe Culicchia, Giorgio Vasta ed Elena Loewenthal, letture di Isabella Ragonese, con l’intervento video del maestro Emilio Isgrò. Un incontro a cura della Fondazione Circolo dei lettori, in collaborazione con Sellerio Editore.

La Costituzione diffusa è l’evento promosso dal Consiglio Nazionale del Notariato, in collaborazione con la Fondazione italiana del Notariato e il Consiglio Notarile di Palermo e con la partecipazione della Fondazione Circolo dei lettori e di Sellerio Editore, che si svolgerà a Palermo nei giorni 5, 6 e 7 maggio. In occasione del trentennale delle stragi di Capaci e via D’Amelio, il Notariato ha ritenuto doveroso far sentire la propria presenza proponendo una profonda riflessione sulla legalità, l’etica e la deontologia guidata dal filo rosso della Costituzione con eventi dedicati agli studenti, ai detenuti, ai tecnici del diritto e a tutta la cittadinanza. La tavola ‘Una indivisibile minorata’ del maestro Emilio Isgrò appartenente al ciclo “La Costituzione Cancellata – Rappresentazione di un crimine”, fungerà da ideale momento di raccordo fra i vari momenti della tre giorni palermitana. L’opera sarà in esposizione presso la Galleria d’arte moderna Empedocle Restivo GAM di Palermo, da giovedì 5 a domenica 8 maggio.

Ingresso gratuito fino a esaurimento posti disponibili – Prenotazione obbligatoria su info@circololettori.it.

Condividi
Altri Articoli

Nazionale

27/04/2022

Magistrati, psicologi, notai e rappresentanti di Banca d’Italia faranno il punto sull’importanza di un’adeguata formazione economica per le donne, in grado di garantirne l’autonomia ed evitare che la dipendenza economica possa diventare anticamera di violenza fisica e domestica