MENU

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE
DEL NOTARIATO

Presentazione del volume “Sigilli e armi: notai e Risorgimento tra Bergamo e Brescia”

RSS

21/11/2011

Territoriale

In occasione del 150° Anniversario dell’Unità d’Italia, il Consiglio Notarile di Bergamo, in collaborazione con il Consiglio Notarile di Brescia, presenterà il volume "Sigilli e armi: notai e Risorgimento tra Bergamo e Brescia", a cura del Museo Storico – Fondazione Bergamo nella Storia (Sestante edizioni).

 

 

La presentazione avverrà il giorno sabato 26 novembre 2011 alle ore 10.00 a Bergamo presso la Sala Capitolare del Chiostro di San Francesco in Piazza Mercato del fieno n. 6/a.

 

Si riporta la premessa al volume redatta dal Notaio Pierluigi Fausti, Presidente del Consiglio Notarile di Bergamo:

 

"Spero di non andare troppo lontano dal vero nel riportare l’affermazione secondo cui l’ideale di una patria unita nel Risorgimento fu patrimonio soprattutto della borghesia intellettuale che, a sua volta, era una piccola fetta della società italiana dell’epoca.

Inoltre, come è documentato e accertato, alla spedizione dei Mille parteciparono numerosi patrioti lombardi e specialmente bergamaschi. Non dovrebbe quindi stupire più di tanto l’avere rintracciato nella bergamasca, e nel contiguo territorio bresciano, due notai che parteciparono alla spedizione dei Mille, un altro notaio che partecipò a quasi tutte le battaglie risorgimentali, un altro notaio ancora che fu seguace di Manin nell’insurrezione della Repubblica veneta.

Molti esponenti delle altre classi intellettuali della nostra terra, ad esempio avvocati e medici, fornirono il loro apporto alla causa unitaria: eppure che vi abbiano partecipato con tale impegno e misura anche i notai oggi può apparire sorprendente. Certamente contrasta con quel diffuso stereotipo secondo cui il notaio sarebbe un mero certificatore di fatti di cui altri sono i veri protagonisti.

Anche questo libro contribuisce a smentire la citata e diffusa visione riduttiva.

Uomini “strani” questi notai, i quali pur contagiati da “la maledie du pays dove continuano a possedere le proprietà e a mantenere stretti contatti personali e di amicizia” godono storicamente di un’influenza sociale determinante per aggregare il popolo alle istituzioni centrali.

Una categoria, quella dei notai, che continuamente parla di legalità, sicurezza e soprattutto fiducia e, allo stesso tempo, è sempre al centro delle spinte al cambiamento per assicurarne alla società civile la necessaria metabolizzazione.

Una giornalista, nel commentare recentemente l’apporto del notariato bergamasco a uno degli eventi culturali più importanti della nostra città, così si esprime: “Forse i notai, categoria professionale che ha antica dimestichezza con le faccende umane […] colgono bene il mutare della sensibilità della gente”.

Mi sembra una lettura corretta, perché la gente ha buon senso, e il buon senso, come disse qualcuno, è il fratello minore della giustizia. Giustizia che i notai frequentano nelle pratiche di tutti i giorni e, all’occasione, anche nei momenti cruciali della nostra storia."
 

 

Condividi
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Altri Articoli

Territoriale, Nazionale

Dal 24 al 30 gennaio gli incontri sul territorio e il 3 febbraio l’evento online su aism.it/eventolasciti

Territoriale

10/01/2022

L’incontro pubblico è promosso dal Consiglio Notarile di Lecce con la collaborazione della sede di Lecce di Banca d’Italia e il patrocinio del Comune. Appuntamento il 15 gennaio, ore 10, presso la Sala Polifunzionale Openspace del Comune di Lecce