Impresa

Come costituire una società? Quale tipologia risponde meglio alle proprie esigenze e agli scopi da raggiungere? È consigliabile rivolgersi per tempo al notaio per programmare la nascita e la vita di un’impresa. Leggi la sezione per saperne di più.

Casa

L’acquisto di una casa è certamente una delle operazioni economiche più importanti nella vita di una persona e il notaio per legge tutela acquirente e venditore. Visita la sezione per capire quali sono i passaggi da seguire prima del rogito e acquistare un immobile in totale sicurezza.

Famiglia

Famiglia e rapporti di parentela; donazioni e successioni; come tutelarsi in caso di convivenza o modificare il regime patrimoniale del matrimonio. Approfondisci tutto quello che c’è da sapere nella sezione e scopri come il notaio può aiutarti.

You are here

nazionaleLista News

La Terza Età: a Carpi il Notariato illustra alla cittadinanza gli strumenti utili per garantire una vecchiaia serena per sé e per i propri cari

LA TERZA ETÀ:

IL 18 MARZO A CARPI LA 15ˆ GUIDA PER IL CITTADINO

In una società in cui la popolazione sarà sempre più anziana, il Notariato illustrerà alla cittadinanza gli strumenti utili per garantire una vecchiaia serena per sé e per i propri cari 

Quali sono gli strumenti giuridici che i cittadini hanno a disposizione per assicurarsi, dal punto di vista della gestione patrimoniale, una vecchiaia serena e dignitosa?

A illustrarli è la 15ˆ Guida per il Cittadino che, realizzata dal Consiglio Nazionale del Notariato, riguarda, quest’anno, proprio La Terza età: strumenti patrimoniali, opportunità e tutele, e che verrà presentata a Carpi, presso l’Auditorium della Biblioteca Loria, lunedì 18 marzo a partire dalle ore 15.00, in un appuntamento a partecipazione gratuita promosso dal Consiglio notarile di Modena e realizzato con il patrocinio del Comune di Carpi.

Realizzata in collaborazione con le Associazioni dei Consumatori - Adiconsum, Adoc, Adusbef, Altroconsumo, Assoutenti, Casa del Consumatore, Cittadinanzattiva, Confconsumatori, Federconsumatori, Lega Consumatori, Movimento Consumatori, Movimento Difesa del Cittadino, Unione per la difesa dei consumatori, Unione Nazionale Consumatori – la Guida ambisce a essere uno strumento tanto più prezioso per un Paese, l’Italia, che è il secondo più vecchio al mondo.

Anche la provincia di Modena è, da questo punto di vista, in linea con i dati nazionali, con il 22,6% della popolazione sopra i 65 anni d’età (a livello Italiano la percentuale ammonta al 22,5%), ovvero più di 150mila, di cui quasi 83mila superano i 75 anni. A Carpi gli anziani over 65 sono 16.361 (dato aggiornato al 31.12.2017). Uno scenario, quello che delinea un invecchiamento della popolazione, destinato con ogni probabilità a incrementare: secondo i dati forniti dal Servizio statistica della Regione Emilia-Romagna, infatti, nel periodo 2015-2035, a fronte di una sostanziale stabilità della popolazione complessiva della regione, a cambiare in modo significativo sarà la composizione per età, con una crescita complessiva della popolazione anziana nei prossimi 20 anni di circa il 28,4%.

Alla luce di tali dati, e per il fatto che spesso gli anziani possono necessitare di una maggiore liquidità di denaro per far fronte a necessità quotidiane o cure mediche, nonché di assistenza morale e materiale, la guida offre una panoramica sugli strumenti che permettono di disporre della casa per trarre liquidità o per garantirsi assistenza e mantenimento. A illustrarne il contenuto, dopo l’introduzione della Presidente del Comitato regionale dei Consigli notarili dell’Emilia-Romagna e del Consiglio notarile di Modena Flavia Fiocchi, saranno i notai Antonio Diener, Caterina Siano, Carlo Camocardi, Uber Tacconi e Daniele Boraldi. Interverranno anche l’Avvocato Pier Luigi Guidastri di Cittadinanza Attiva e il Sindaco di Carpi Alberto Bellelli

Gli strumenti che permettono di ottenere liquidità di denaro sono: la rendita vitalizia (a titolo oneroso), con la quale un soggetto corrisponde periodicamente alla persona anziana una somma di denaro o altri prodotti a fronte della cessione di un bene mobile, immobile o di un capitale; la vendita della nuda proprietà con riserva di usufrutto, che consente alla persona anziana di vendere l’immobile e di continuare a vivere nella sua casa e godere di eventuali proventi derivanti da una eventuale locazione per tutta la sua vita o per un periodo definito, ottenendo nel contempo una liquidità immediata proveniente dalla vendita; la vendita della nuda proprietà con riserva di abitazione, la quale, rispetto allo strumento precedente consente il solo diritto di abitare l’immobile per sé e per la propria famiglia senza la disponibilità di eventuali proventi; il diritto di abitazione non può essere ceduto o dato in locazione; infine, il prestito vitalizio ipotecario, ovvero un finanziamento concesso da banche o intermediari finanziari a persone di età superiore ai 60 anni; è garantito dall’ipoteca su un immobile residenziale solitamente di proprietà dell’anziano a garanzia della restituzione del prestito, degli interessi e delle spese. È uno strumento che presenta diverse criticità, soprattutto nei confronti di eventuali eredi, e quindi va valutato con molta attenzione. 

Gli strumenti che permettono di ottenere assistenza sia morale che materiale sono invece: il contratto di mantenimento, che consente di ricevere entrambe le prestazioni di assistenza, che possono essere combinate nel modo più idoneo a seconda delle necessità, a fronte della cessione di beni mobili, immobili o di capitale. Potrà essere pattuito l’obbligo di provvedere a tutte le necessità garantendo il tenore di vita abituale, fornendo vitto, alloggio, vestiario, cure mediche, altro; oppure assumere solo alcuni di tali obblighi, secondo le esigenze del beneficiario e la disponibilità dell’obbligato; il contratto di vitalizio alimentare, in cui un soggetto si obbliga a corrispondere al vitaliziato gli alimenti, alloggio, vestiario, cure mediche e in genere tutto quanto risultasse necessario per vivere nei limiti dello stato di bisogno; il contratto di vitalizio assistenziale, per cui il vitaliziante si impegna a garantire principalmente una assistenza morale ed eventualmente anche un’assistenza materiale. La sua prestazione è di norma infungibile; la donazione con onere di assistenza o donazione modale, tramite la quale l’anziano, donando la propria abitazione, pone un onere di assistenza e/o mantenimento a carico del donatario. Il contenuto dell’assistenza viene stabilito dal donante secondo quelle che sono le sue esigenze e necessità, ma il donatario è tenuto all’adempimento dell’onere entro i limiti del valore della cosa donata. La risoluzione per inadempimento dell’onere può essere domandata dal donante o dai suoi eredi solo se prevista nell’atto di donazione. 

Nella guida sono menzionati anche altri strumenti come la cessione del quinto della pensione (o stipendio), le polizze vita e il cohousing

Commenta così la Presidente del Comitato Regionale dei Consigli notarili dell’Emilia-Romagna e Presidente del Consiglio notarile di Modena, Flavia Fiocchi: “Crediamo che questa nuova Guida sia quanto mai utile non soltanto alle persone che hanno già raggiunto o stanno per raggiungere l’età anziana, ma anche per i loro cari e per chi, degli anziani, si prende cura. Il Notariato è, da questo punto di vista, a disposizione del cittadino, rivendicando un ruolo di garanzia e tutela sociale e comunitaria, anche e soprattutto in un ambito delicato e sensibile come questo.”

Parole di apprezzamento anche da parte del Sindaco di Carpi, Alberto Bellelli: “Una bella iniziativa, che consente di dare strumenti a una parte importante della vita delle persone, per rafforzare le capacità di ognuno di avere opportunità per affrontare la Terza età continuando a fare progetti di vita.”

 

Per ulteriori informazioni consultare il sito internet www.consiglionotarilemodena.it e la pagina Facebook Notai dell’Emilia-Romagna.

nazionaleLista News

LAV e Notariato: proseguono nel 2019 in numerose città d'Italia gli eventi dedicati al testamento in favore degli animali

 “FARE TESTAMENTO – PERCHÉ E COME LASCIARE UN SEGNO”

ANCHE NEL 2019, IN TANTE CITTA' D'ITALIA TORNANO GLI EVENTI LAV DEDICATI AL TESTAMENTO IN FAVORE DEGLI ANIMALI: INCONTRI APERTI A TUTTI, CON LA CONSULENZA GRATUITA DEI NOTAI, PER SCOPRIRE COME DIFENDERE I DIRITTI DEGLI ANIMALI GRAZIE A UN GESTO D’AMORE “OLTRE LA VITA” 

Anche nel 2019 LAV torna a fare tappa in tante città italiane con gli eventi “FARE TESTAMENTO – PERCHÉ E COME LASCIARE UN SEGNO”, appuntamenti dedicati a tutti coloro i quali desiderino informarsi sulla scelta di ricordare anche gli animali nelle proprie volontà testamentarie. 

L’incontro itinerante LAV sul tema dei lasciti in favore degli animali, che ha già toccato 15 località italiane, nel 2019 farà tappa a Napoli (9 marzo), Pistoia (13 aprile), Firenze (14 aprile), Reggio Emilia (26 ottobre) e Bologna (27 ottobre). 

Secondo una formula consolidata, che negli anni ha riscosso l'attenzione di oltre 400 partecipanti dalla sua prima edizione a Roma, nel novembre 2014, l'Associazione incontrerà soci, simpatizzanti e chiunque desideri approfondire l'argomento, mettendo a disposizione l’esperienza dei notai presenti, per far luce su alcune importanti questioni che interessano moltissime persone. 

Sono infatti migliaia le silenziose storie di affetto e di convivenza tra gli italiani e i loro compagni di vita a quattro zampe: una famiglia su tre vive in casa con un animale (Eurispes 2019) e per molte di queste persone il fine vita rappresenta un’incognita, anche rispetto al destino che spetterà agli animali di cui si stanno prendendo cura. 

QUALE FUTURO SARÀ RISERVATO AGLI ANIMALI NOSTRI COMPAGNI DI VITA QUANDO NON CI SAREMO PIÙ? COME FARE PER CONTRIBUIRE ALLA DIFESA DEI LORO DIRITTI, CON UN GESTO D’AMORE “OLTRE LA VITA”? QUALI PROGETTI LAV STA CONCRETAMENTE REALIZZANDO CON I RICAVATI DEI LASCITI SOTTOSCRITTI DAI SUOI SOSTENITORI? 

A queste e ad altre domande risponderà il Vicepresidente LAV, Roberto Bennati, con il supporto tecnico-legale dei notai, nel corso degli incontri, realizzati con il patrocinio e la collaborazione del Consiglio Nazionale del Notariato. 

I partecipanti potranno inoltre interloquire direttamente con il notaio, rivolgendo domande specifiche ed esaminando aspetti pratici come, ad esempio:

  • Cos’è, perché e come si fa testamento
  • Cosa è possibile lasciare in eredità
  • Gli eredi e l’asse ereditario
  • Testamento e donazione
  • Come ricordare una Associazione nelle proprie volontà
  • Come assicurare un futuro sereno ai propri animali
  • Come la LAV trasforma i lasciti in risultati concreti per gli animali 

Un lascito in favore degli animali è un gesto di amore e di responsabilità, molto lontano dai sensazionalismi di alcune cronache d’oltreoceano che raccontano storie di cani o gatti di casa divenuti ereditieri milionari. E quindi, di cosa parliamo esattamente? 

CI AIUTA A FARE CHIAREZZA IL CONSIGLIERE NAZIONALE DEL NOTARIATO CON DELEGA AL SOCIALE E AL TERZO SETTORE, GIANLUCA ABBATE CHE, INTERVISTATO DA LAV, SPIEGA:

“Nel nostro Ordinamento non è possibile fare testamento direttamente in favore di animali, poiché essi non sono soggetti giuridici. Ciò che si può fare, invece, è istituire erede o legatario un ente che abbia come scopo statutario la tutela degli animali. In alternativa, è possibile istituire erede o legatario un altro soggetto giuridico di cui si abbia piena fiducia con l’onere di utilizzare in tutto o in parte il bene o la somma di denaro devoluta, a vantaggio di associazione animaliste o, specificamente, per la protezione di determinati animali”.

L’altro equivoco da chiarire, in tema di testamento in favore degli animali, è il timore che esso possa penalizzare i legittimi eredi o scontentarli, una delle principali ragioni di diffidenza verso questo strumento. 

Sul punto il notaio rassicura: “in Italia non è consentita la diseredazione di determinati componenti del nucleo familiare: infatti, è riservata, dalla legge, una quota di eredità a determinati soggetti, qualificati legittimari, ossia il coniuge, i figli, i discendenti in linea retta o, in mancanza di figli e discendenti in linea retta, gli ascendenti. Tuttavia è sempre prevista una quota disponibile, cioè una quota del patrimonio della quale si può liberamente disporre per testamento o per donazione, che non è mai inferiore a un quarto del patrimonio ereditario (ad esempio è tale quando chi muore lascia il coniuge e più figli). Pertanto, se il testatore dispone dei propri beni a favore dei terzi, nei limiti della quota disponibile, non lede i diritti che il Codice Civile riconosce agli eredi necessari”.

In Italia sono ancora poche le persone consapevoli dell’importanza di un gesto che può dare molto agli altri senza intaccare il diritto dei propri eredi. Una pratica già molto diffusa nel mondo anglosassone che consente di ricordare una Onlus e dunque una causa sociale, nella propria eredità, ma che in Italia è ancora un argomento tabù. 

Eppure, se si abbandona per un istante la naturale ritrosia ad immaginare il “dopo di noi”, ci si accorge che il testamento rappresenta una importante opportunità di dare continuità ai valori di una vita, lasciando un segno in favore dei diritti di tutti gli animali, e contribuendo in modo concreto alle tante attività e iniziative promosse e realizzate da LAV (VIDEO: “Dopo di noi c’è ancora tanto da fare” https://bit.ly/2HOGpxk ). 

Attraverso i lasciti testamentari possiamo assicurare un futuro a tanti animali: durante gli eventi sarà possibile conoscere alcune delle storie a lieto fine frutto dell'impegno dell'associazione e incontrane i protagonisti, a due e a quattro zampe, ascoltarne le testimonianze e constatare in prima persona i risultati ottenuti e gli obiettivi in via di realizzazione, grazie alla generosità di chi ha deciso di ricordare LAV nelle proprie volontà testamentarie.

* * *

GLI EVENTI LAV 2019 SUL TESTAMENTO IN FAVORE DEGLI ANIMALI

  • Napoli, 9 marzo
  • Pistoia, 13 aprile 
  • Firenze, 14 aprile
  • Reggio Emilia, 26 ottobre
  • Bologna, 27 ottobre

INFO E ACCREDITI

I dettagli sui prossimi eventi LAV saranno disponibili su: www.lav.it/appuntamenti

Per ricevere maggiori informazioni, comunicare la propria partecipazione e quella di eventuali accompagnatori è possibile contattare il numero 06.4461325 o scrivere un'e-mail a lasciti@lav.it. Gli appuntamenti si concluderanno con un rinfresco. Gli animali sono i benvenuti.

Ufficio Stampa LAV - 06 44 61 325 – 320 6770285 – press@lav.it - www.lav.it

 

 

 

 

 

territorialeLista News

Semplificazione e snellimento delle procedure per i cittadini: siglato a Caltanissetta un accordo con il Comune per l’acquisizione online di certificazioni ed estratti necessari alla funzione notarile

Lo scorso 7 febbraio è stato siglato a Caltanissetta presso Palazzo del Carmine un protocollo di intesa tra il Presidente del Consiglio Notarile dei Distretti riuniti di Caltanissetta e Gela, Giuseppe Pilato, e il Sindaco, Giovanni Ruvolo, finalizzato alla semplificazione delle procedure per gli uffici comunali e per gli studi notarili, con la conseguente facilitazione dell’iter burocratico per i cittadini.

L’accordo prevede infatti che possano essere acquisiti online tutti gli estratti e le certificazioni necessari all’esercizio della funzione notarile.

Certificati di residenza, certificati di morte, estratti dell'atto di morte, stato civile, certificati di stato libero, estratti del rapporto coniugale e del regime di separazione o comunione dei beni sono solo alcuni dei documenti che i notai nisseni possono acquisire on-line nella piattaforma condivisa con il Comune di Caltanissetta.

I cittadini non dovranno quindi più fare code agli uffici comunali per una serie di certificazioni ed estratti necessari alla successiva stipula di atti dei privati, come per esempio le successioni o l'acquisto degli immobili, quanto per le nuove iscrizioni, la cessione o l'affitto di imprese.

Alla sigla del protocollo erano presenti anche l'Assessore e Vicesindaco Felice Diema, i Notai Laura Candura e Alfredo Grasso, la Dirigente dei Servizi Demografici Angela Polizzi, il Comandante della Polizia municipale e Dirigente dei Servizi informatici, Diego Peruga.

"Lo snellimento burocratico e la facilitazione dell'attività notarile - ha spiegato il Presidente Pilato - hanno come beneficiari i cittadini. Si rafforza la collaborazione tra le categorie professionali e l'Ente locale. Questo servizio aggiunge un nuovo tassello nelle procedure informatiche avviate da vent'anni dal notariato a Caltanissetta. Registrare, trascrivere e volturare in catasto oppure costituire una società, sono oggi attività che si svolgono in 24 ore e ciò aiuta anche l'economia del territorio".

 

territorialeLista News

Orientamento alla professione notarile: a Lecce incontro con gli studenti degli istituti superiori

Si terrà domani 20 febbraio al Campus Universitario Ecotekne di Lecce, presso il Dipartimento di Scienze Giuridiche di Unisalento, l’Open Day "Giurisprudenza e il mestiere del giurista" sui percorsi didattici e le carriere post-laurea.

L’appuntamento, dedicato agli studenti degli istituti superiori, prevede l’intervento del Presidente del Consiglio Notarile di Lecce Rocco Mancuso, che illustrerà le modalità di accesso alla professione e l'attività svolta dai Notai, anche tramite casi pratici.

Scopo dell’iniziativa è infatti fornire elementi utili ai giovani per poter operare in maniera consapevole la propria scelta universitaria.

Sono inoltre previsti gli interventi di Manolita Francesca, Direttore del Dipartimento; Pier Luigi Portaluri, Direttore del master "Amministrazione pubblica; Stefano Polidori, referente dei percorsi didattici del Dipartimento; Roberto Tanisi, Presidente della Corte d'Appello; Antonio Maruccia, Procuratore generale; Roberta Altavilla, Presidente dell'Ordine degli avvocati; Alessandra Scrimitore, Dirigente del Tribunale; Rossano Adorno, docente di Procedura Penale.

territorialeLista News

“Il dono è un contratto”: a Lodi lezione per gli studenti di UNITRE

Il Consiglio Notarile di Milano è intervenuto a una lezione sul tema delle donazioni organizzata da UNITRE per gli studenti dell’Università della Terza Età di Lodi, che si è tenuta lo scorso 7 febbraio presso il Teatrino di Via Gorini.

Il Notaio Piercarlo Mattea è intervento sugli aspetti civili, successori e fiscali delle donazioni: contratti con i quali, per spirito di liberalità, una parte arricchisce l'altra, disponendo a favore di questa un suo diritto o assumendo verso la stessa un'obbligazione: questa la definizione scritta nel nostro codice civile.

“Per la legge, la donazione è un contratto - ha spiegato il Notaio Mattea - ma cos'è un contratto? Il contratto è un negozio giuridico, quindi come detto regolato dalla legge, a contenuto patrimoniale per qualcosa che ha un valore. Il diritto lo si può definire con questi tre punti principali: vivere onoratamente, non danneggiare l'altro e dare a ciascuno il suo”.

“Si può donare per beneficenza, per amore filiale o coniugale, per riconoscenza, e la donazione deve essere sempre accettata, anche in due fasi: la prima con la donazione vera e proprio, l'altra con l'accettazione della stessa Se la donazione è di modico valore questa può essere elargita anche senza la presenza del notaio. Normalmente non si può revocare la donazione, proprio perché non è moralmente corretto pretendere la restituzione di ciò che si è donato. Ma questo può essere revocato solamente per due motivi ben precisi: per ingratitudine del donatario, ad esempio in caso di un reato grave come l'uccisione o il tentativo di uccisione del donante, oppure perla sopravvenienza di figli del donante".

 

territorialeLista News

Presentazione della Guida sulla #TerzaEtà. A Modena un incontro pubblico per illustrare gli strumenti giuridici a tutela delle persone anziane

LA TERZA ETÀ:

IL 19 GENNAIO A MODENA LA 15ˆ GUIDA PER IL CITTADINO

In una società in cui la popolazione sarà sempre più anziana, il Notariato illustrerà alla cittadinanza gli strumenti utili per garantire una vecchiaia serena per sé e per i propri cari 

Quali sono gli strumenti giuridici che i cittadini hanno a disposizione per assicurarsi, dal punto di vista della gestione patrimoniale, una vecchiaia serena e dignitosa?

A illustrarli è la 15ˆ Guida per il Cittadino che, realizzata dal Consiglio Nazionale del Notariato, riguarda, quest’anno, proprio La Terza età: strumenti patrimoniali, opportunità e tutele, e che verrà presentata a Modena, presso la Sala conferenze di piazzale Redecocca, sabato 19 gennaio a partire dalle ore 10, in un appuntamento a partecipazione gratuita promosso dal Consiglio notarile di Modena e realizzato con il patrocinio del Comune di Modena.

Realizzata in collaborazione con le Associazioni dei Consumatori - Adiconsum, Adoc, Adusbef, Altroconsumo, Assoutenti, Casa del Consumatore, Cittadinanzattiva, Confconsumatori, Federconsumatori, Lega Consumatori, Movimento Consumatori, Movimento Difesa del Cittadino, Unione per la difesa dei consumatori, Unione Nazionale Consumatori – la Guida ambisce a essere uno strumento tanto più prezioso per un Paese, l’Italia, che è il secondo più vecchio al mondo.

Anche la provincia di Modena è, da questo punto di vista, in linea con i dati nazionali, con il 22,6% della popolazione sopra i 65 anni d’età (a livello Italiano la percentuale ammonta al 22,5%), ovvero più di 150mila, di cui quasi 83mila superano i 75 anni. Uno scenario, quello che delinea un invecchiamento della popolazione, destinato con ogni probabilità a incrementare: secondo i dati forniti dal Servizio statistica della Regione Emilia-Romagna, infatti, nel periodo 2015-2035, a fronte di una sostanziale stabilità della popolazione complessiva della regione, a cambiare in modo significativo sarà la composizione per età, con una crescita complessiva della popolazione anziana nei prossimi 20 anni di circa il 28,4%.

Alla luce di tali dati, e per il fatto che spesso gli anziani possono necessitare di una maggiore liquidità di denaro per far fronte a necessità quotidiane o cure mediche, nonché di assistenza morale e materiale, la guida offre una panoramica sugli strumenti che permettono di disporre della casa per trarre liquidità o per garantirsi assistenza e mantenimento. A illustrarne il contenuto, dopo l’introduzione della Presidente del Comitato regionale dei Consigli notarili dell’Emilia-Romagna e del Consiglio notarile di Modena Flavia Fiocchi, saranno i notai Antonio Diener, Caterina Siano e Carlo Camocardi. All’iniziativa parteciperà anche Mara Colla, Presidente di Confconsumatori. 

Gli strumenti che permettono di ottenere liquidità di denaro sono: la rendita vitalizia (a titolo oneroso), con la quale un soggetto corrisponde periodicamente alla persona anziana una somma di denaro o altri prodotti a fronte della cessione di un bene mobile, immobile o di un capitale; la vendita della nuda proprietà con riserva di usufrutto, che consente alla persona anziana di vendere l’immobile e di continuare a vivere nella sua casa e godere di eventuali proventi derivanti da una eventuale locazione per tutta la sua vita o per un periodo definito, ottenendo nel contempo una liquidità immediata proveniente dalla vendita; la vendita della nuda proprietà con riserva di abitazione, la quale, rispetto allo strumento precedente consente il solo diritto di abitare l’immobile per sé e per la propria famiglia senza la disponibilità di eventuali proventi; il diritto di abitazione non può essere ceduto o dato in locazione; infine, il prestito vitalizio ipotecario, ovvero un finanziamento concesso da banche o intermediari finanziari a persone di età superiore ai 60 anni; è garantito dall’ipoteca su un immobile residenziale solitamente di proprietà dell’anziano a garanzia della restituzione del prestito, degli interessi e delle spese. È uno strumento che presenta diverse criticità, soprattutto nei confronti di eventuali eredi, e quindi va valutato con molta attenzione. 

Gli strumenti che permettono di ottenere assistenza sia morale che materiale sono invece: il contratto di mantenimento, che consente di ricevere entrambe le prestazioni di assistenza, che possono essere combinate nel modo più idoneo a seconda delle necessità, a fronte della cessione di beni mobili, immobili o di capitale. Potrà essere pattuito l’obbligo di provvedere a tutte le necessità garantendo il tenore di vita abituale, fornendo vitto, alloggio, vestiario, cure mediche, altro; oppure assumere solo alcuni di tali obblighi, secondo le esigenze del beneficiario e la disponibilità dell’obbligato; il contratto di vitalizio alimentare, in cui un soggetto si obbliga a corrispondere al vitaliziato gli alimenti, alloggio, vestiario, cure mediche e in genere tutto quanto risultasse necessario per vivere nei limiti dello stato di bisogno; il contratto di vitalizio assistenziale, per cui il vitaliziante si impegna a garantire principalmente una assistenza morale ed eventualmente anche un’assistenza materiale. La sua prestazione è di norma infungibile; la donazione con onere di assistenza o donazione modale, tramite la quale l’anziano, donando la propria abitazione, pone un onere di assistenza e/o mantenimento a carico del donatario. Il contenuto dell’assistenza viene stabilito dal donante secondo quelle che sono le sue esigenze e necessità, ma il donatario è tenuto all’adempimento dell’onere entro i limiti del valore della cosa donata. La risoluzione per inadempimento dell’onere può essere domandata dal donante o dai suoi eredi solo se prevista nell’atto di donazione. 

Nella guida sono menzionati anche altri strumenti come la cessione del quinto della pensione (o stipendio), le polizze vita e il cohousing

Commenta così Valentina Rubertelli, Consigliere Nazionale del Notariato per la Regione Emilia-Romagna: “La varietà degli istituti che l’ordinamento giuridico mette a disposizione per tutelare al meglio le fragilità proprie delle persone anziane, ciascuno con le proprie sottili sfumature e differenti ricadute personali e patrimoniali, pongono ancor di più l’accento sul ruolo “sartoriale” del Notaio nel cucirli “come abiti su misura” attorno al cliente, dopo averne indagato accuratamente le personali esigenze individuali e familiari. 

Le fanno eco le parole della Presidente del Comitato Regionale dei Consigli notarili dell’Emilia-Romagna e Presidente del Consiglio notarile di Modena, Flavia Fiocchi: “Crediamo che questa nuova Guida sia quanto mai utile non soltanto alle persone che hanno già raggiunto o stanno per raggiungere l’età anziana, ma anche per i loro cari e per chi, degli anziani, si prende cura. Il Notariato è, da questo punto di vista, a disposizione del cittadino, rivendicando un ruolo di garanzia e tutela sociale e comunitaria, anche e soprattutto in un ambito delicato e sensibile come questo.” 

Per ulteriori informazioni consultare il sito internet www.consiglionotarilemodena.it.

territorialeLista News

Garanzia per il cittadino nelle compravendite immobiliari. Sottoscritto a Palermo il protocollo di intesa tra notai e geometri per la regolarità̀ urbanistica e la conformità catastale dell’immobile

A Palermo è stato siglato dal Presidente del Consiglio Notarile dei Distretti Riuniti di Palermo e Termini Imerese, Mario Marino, e dal Presidente del Collegio dei Geometri e Geometri laureati della provincia di Palermo, Carmelo Garofalo, un protocollo d’intesa a salvaguardia dei soggetti che, a vario titolo, intervengono nella compravendita immobiliare, attraverso la garanzia della regolarità̀ urbanistica e della conformità catastale dell’immobile.

L’obiettivo è assicurare quindi il corretto trasferimento immobiliare sotto il profilo della commerciabilità dei beni attraverso la redazione di una relazione tecnica completa sugli immobili o sui patrimoni immobiliari, che comprende tutte le notizie che il compratore dovrebbe conoscere prima di procedere all'acquisto. A tutela del cittadino, quindi, ma anche nell'interesse dello Stato, poiché l’iniziativa contribuisce a una minor incidenza del contenzioso e delle procedure amministrative di sanatoria nell'ambito delle irregolarità urbanistiche ed edilizie.

 

 

Pages