Impresa

Come costituire una società? Quale tipologia risponde meglio alle proprie esigenze e agli scopi da raggiungere? È consigliabile rivolgersi per tempo al notaio per programmare la nascita e la vita di un’impresa. Leggi la sezione per saperne di più.

Casa

L’acquisto di una casa è certamente una delle operazioni economiche più importanti nella vita di una persona e il notaio per legge tutela acquirente e venditore. Visita la sezione per capire quali sono i passaggi da seguire prima del rogito e acquistare un immobile in totale sicurezza.

Famiglia

Famiglia e rapporti di parentela; donazioni e successioni; come tutelarsi in caso di convivenza o modificare il regime patrimoniale del matrimonio. Approfondisci tutto quello che c’è da sapere nella sezione e scopri come il notaio può aiutarti.

You are here

territorialeLista News

“Dopo di noi”: a Mestre (VE) intervento dei notai al convegno sulle Malattie metaboliche rare organizzato dall’Ulss 3 Serenissima in collaborazione con UNIAMO per la formazione delle professioni sanitarie e degli assistenti sociali

Il Consiglio Notarile di Venezia interverrà il prossimo 24 settembre al convegno formativo per le professioni sanitarie e gli assistenti sociali sulle “Malattie metaboliche rare”, che il Centro Territoriale per le Malattie Rare dell’Ulss 3 Serenissima ha organizzato in collaborazione con UNIAMO, la Federazione Italiana Malattie Rare, presso l’Auditorium dell’Ospedale dell’Angelo di Mestre (VE). 

“Sono definite ‘malattie rare’ quelle che colpiscono meno di 5 persone su 10.000 – spiega la dottoressa Calmasini. Nel loro complesso costituiscono comunque un ampio gruppo di patologie, e nel solo Veneto sono assistiti complessivamente circa 38.000 pazienti. Le persone che ne sono affette hanno in comune problemi legati alla complessità della diagnosi, e ben vengano quindi tutte le nuove strategie diagnostiche; c’è poi il tema della scarsa disponibilità dei trattamenti, che rende necessaria una particolare e specifica presa in carico di chi è colpito da ‘malattia rara’: ecco allora la necessità dell’istituzione di ‘centri di riferimento’ altamente specializzati, ma anche di una forte integrazione con i servizi sanitari ed assistenziali territoriali”. 

Nel corso del convegno, incentrato sulle novità normative e di ricerca che abbiano impatto su aspetti organizzativi specifici, si affronteranno le modifiche introdotte dal decreto sui Livelli Essenziali di Assistenza del 2017, con il nuovo elenco delle malattie rare e sui diritti esigibili; si parlerà poi della riorganizzazione dei comitati etici territoriali con competenza sulla pratica clinica e sulle sperimentazioni cliniche su dispositivi medici e farmaci e dell’introduzione dello “screening neonatale metabolico esteso”. 

Un altro punto fondamentale per le persone con malattia rare e i loro familiari, che verrà trattato, sono le misure sociali innovative volte a favorire la piena inclusione sociale e l’autonomia delle persone disabili, dall’inserimento lavorativo alla Legge 112/2016 ‘Dopo di noi’, quando vengono a mancare i riferimenti familiari. 

E sarà proprio sul “Dopo di noi” l’intervento del Presidente del Consiglio Notarile di Venezia, Ernesto Marciano. “Negli ultimi anni il Notariato si è impegnato in un’intensa campagna informativa dedicata alla legge sul “Dopo di noi” al fine garantirne l’applicazione concreta – spiega il Presidente Ernesto Marciano. Dal punto di vista fiscale, la legge sul "Dopo di noi"  ha introdotto importanti agevolazioni ed esenzioni, in particolare per  la costituzione di trust, di vincoli di destinazione di cui all’articolo 2645-ter del codice civile e di fondi speciali, composti da beni sottoposti a vincolo di destinazione e disciplinati con contratto di affidamento fiduciario".

 

territorialeLista News

Pordenonelegge: due appuntamenti con i notai alla Festa del Libro con gli Autori

Il Consiglio Notarile di Pordenone sostiene anche quest’anno la Fondazione PORDENONELEGGE e la Festa del Libro con gli Autori, una delle principali manifestazioni culturali di interesse nazionale dedicata alla letteratura e agli scrittori - arrivata ormai alla sua 18esima edizione - che si terrà dal 19 al 23 settembre prossimi a Pordenone.

Al Festival saranno presenti due notai che si dedicano sia alla professione notarile che alle loro passioni culturali. In questi incontri l’intento è infatti quello di mostrare il volto meno noto al pubblico, ma forse più affascinante, del notaio come uomo di cultura a tutto tondo. Protagonisti della precedente edizione, i notai Renato Carraffa di Roma e Dino Falconio di Napoli, le cui conferenze hanno suscitato enorme interesse presso il pubblico del Festival.

Gli appuntamenti di quest’anno saranno invece:

- sabato 22 settembre con il notaio Maurizio Corona di Cagliari, appassionato di studi storici, collezionista di soldatini e autore di pubblicazioni sui più importanti musei del settore, in un incontro con il prof. Franco Cardini, noto per essere uno dei più eminenti storici non solo italiani, e

- domenica 23 settembre con il notaio Remo Bassetti di Torino, pubblicista, scrittore, estroverso indagatore di nuovi orizzonti della letteratura, in una discussione con il curatore artistico del Festival, a sua volta poeta e scrittore, prof. Gianmario Villalta.

Per maggiori informazioni: www.pordenonelegge.it.

 

nazionaleLista News

A Catania costituita l'Associazione "Economisti e giuristi insieme". Intesa per rafforzare a livello territoriale l’azione coordinata fra le tre professioni

COMUNICATO STAMPA

CATANIA – Anche a Catania, su modello nazionale, è nata l’Associazione “Economisti e giuristi insieme”, costituita dagli Ordini dei Commercialisti e degli Avvocati e dal Consiglio notarile che operano nel territorio etneo. L’atto costitutivo è stato firmato ufficialmente questa mattina (10 luglio) dai presidenti Giuseppe Balestrazzi (Notai), Maurizio Magnano San Lio (Avvocati) e Giorgio Sangiorgio (Commercialisti), al fine di rafforzare l’intesa e l’azione coordinata delle tre professioni giuridico-economiche.

«Certi delle affinità che ci accomunano in ambito lavorativo e nel reciproco rispetto delle diverse competenze, il fine di questa alleanza è sviluppare idee e proposte condivise per il nostro territorio e in generale per il Paese – affermano congiuntamente i tre presidenti – Il mercato professionale è in continuo cambiamento per cui è necessario definire un nuovo modello di rappresentare le professioni, anche agendo “insieme” come sottolinea proprio il nome dell’associazione. “Insieme” per sollecitare la politica a misure di tutela e funzionalità dei nostri settori, nell’interesse dei professionisti che rappresentiamo, ma anche dell’intera collettività».

Un’iniziativa concretizzata appena sette mesi dopo la costituzione dell’associazione a livello nazionale, avvenuta lo scorso dicembre. L’ufficializzazione a Catania è avvenuta nella sede del Consiglio notarile, alla presenza del notaio Maria Grazia Tomasello che, in qualità di segretario del Consiglio, ha redatto lo statuto associativo e ratificato le firme.

Tra le finalità indicate nello statuto: la promozione dell’interlocuzione con le istituzioni, con la pubblica amministrazione e, in generale, con tutti i soggetti ritenuti strategici al fine di tutelare gli interessi comuni alle professioni rappresentate; l’approfondimento delle materie economiche e giuridiche di interesse degli associati, anche attraverso la predisposizione di studi e documenti; e l’operare nel contesto della sussidiarietà rispetto alle Pubbliche Amministrazioni, in aderenza alla più recente normativa interna e ai principi del diritto europeo.

 

I PRESS, Sala Stampa e Comunicazione
CATANIA – Viale XX Settembre 45, 95129
MILANO – Via Santa Maria Valle 3, 20123
tel/fax 095 505133 | 02 00681022
mobile aziendale 366 5643788

 

nazionaleLista News

Dopo di noi: a Roma l’evento conclusivo del progetto formativo promosso da UNIAMO FIMR onlus in collaborazione con il Notariato per le persone con malattia rara e i loro familiari

UNIAMO FIMR onlus, Federazione Italiana Malattie Rare, ha promosso con la collaborazione del Notariato una serie di incontri formativi sul territorio sulla legge “dopo di noi”, nell’ambito del progetto “SOCIAL RARE Quadro sociale, nuove azioni e proposte per i malati rari”. 

“SOCIAL RARE” è una proposta formativa gratuita, co-finanziata dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, a favore delle persone con malattia rara e loro familiari e/o rappresentanti per conoscere e approfondire tutti gli aspetti della Legge 22 giugno 2016, n 112 "Disposizioni in materia di assistenza in favore delle persone con disabilità grave prive di sostegno familiare" detta anche del DOPO DI NOI. 

L’iniziativa, suddivisa in 5 tappe dal 6 aprile al 29 giugno, ha coinvolto nelle città di Bologna, Bari, Roma, Palermo e Torino oltre 100 le persone in aula e più di 50 quelle attraverso la formazione webinar: un nuovo format di formazione a distanza per essere il più inclusivi possibile, andando incontro, così, alle complesse esigenze di caregivers e pazienti.  

“La famiglia deve conoscere quali sono gli strumenti legislativi e concreti che consentono di realizzare per il proprio figlio, più fragile di altri, un progetto di vita che non solo lo tuteli al momento della perdita dei genitori ma che gli permette anche una buona qualità di vita insieme ai familiari, questo è stato il volano del progetto” Tommasina Iorno, Presidente UNIAMO F.I.M.R Onlus. 

È stato dedicato un particolare approfondimento sul Trust, sui Vincoli di destinazione e sui Fondi speciali da parte del Consiglio Nazionale del Notariato, grazie alla collaborazione maturata nel corso di questo ultimo anno e alla pubblicazione – insieme a 13 associazioni dei consumatori - di una Guida per il cittadino dedicata al “Dopo di noi”, Amministratore di sostegno gli strumenti per sostenere le fragilità sociali”. 

“Negli ultimi anni il Notariato si è impegnato in un’intensa e capillare campagna informativa dedicata alla legge del “Dopo di noi” al fine garantirne l’applicazione concreta. Ma la legge presenta alcune criticità che il Notariato può aiutare a superare attraverso una serie di proposte migliorative dell’impianto legislativo a vantaggio delle famiglie interessate” Pierluisa Cabiddu, Consigliere Nazionale del Notariato coordinatore della campagna sul “Dopo Di Noi”. 

L’evento riepilogativo si terrà il 4 luglio a Roma, presso la Sala Foscolo del Centro Congressi Roma Eventi Fontana di Trevi (Piazza della Pilotta 4), dalle ore 10:00 alle ore 13:00. Per il Notariato interverrà il Consigliere Nazionale Gianluca Abbate.

Per partecipare: https://goo.gl/forms/KlGKV9af4KZzxbvM2. Clicca qui per scaricare il programma: Programma Social Rare Finale.

Un’occasione per fare il punto sull’applicazione della Legge 22 giugno 2016 n. 112 «Disposizioni, in materia di assistenza in favore delle persone con disabilità grave prive di sostegno familiare» a due anni esatti dalla sua approvazione.

“La legge 112 fa espresso richiamo all’art. 19 della convenzione Onu che riconosce il diritto a tutte le persone con disabilità di scegliere dove e con chi vivere. Per garantire questo diritto è di fondamentale importanza pianificare il “dopo di noi” nel “durante noi”, tenendo conto dei desideri aspettative e preferenze delle persone con disabilità e dei loro familiari. Gli stessi vanno adeguatamente supportati e sostenuti lungo tutto il percorso e nella predisposizione ed attuazione del progetto individuale di vita redatto ai sensi e per gli effetti di cui all’art. 14 della legge 328/2000” Roberto Speziale, Presidente ANFFAS. 

 

territorialeLista News

"Il testamento biologico è legge dello Stato". A Gioia del Colle (BA) un incontro aperto alla cittadinanza sul biotestamento

COMUNICATO STAMPA
 
Giovedì 28 Giugno alle ore 18:30, presso la Sala del Circolo Unione di Gioia del Colle che collabora all'iniziativa in programma, con il patrocinio della Città Metropolitana di Bari e del Comune di Gioia del Colle gli ospiti chiamati a intervenire avvieranno una riflessione sulla Legge n.219, in particolare sulle indicazioni operative per il Testamento biologico.
Dopo i saluti del Presidente del Circolo Unione, Dott. Leonardo Marazia, e l'introduzione della Presidente di Meters, Dott.ssa Giovanna Magistro, seguiranno le riflessioni dell'avvocato Rosella Cuscito (Forza dei Consumatori), del notaio Dott. Alberto D'Abbicco (in rappresentanza dell'Ordine dei notai della Provincia di Bari), di Giuseppe Giulitto (Sindaco di Bitritto, fra i primi comuni ad istituite un Albo per la raccolta delle Dat). 
E' previsto l'intervento di un medico in rappresentanza dell'Ordine dei Medici della Provincia di Bari.
La Legge n.219, entrata in vigore il 31 gennaio 2018, riconosce in Italia - dopo anni di battaglie - il biotestamento quale espressione delle volontà sul fine vita che diventano quindi decisive e perentorie nel momento in cui il paziente è ormai impossibilitato a esprimersi.
Le Dichiarazioni anticipate di trattamento (Dat) possono essere affidate a un notaio o registrate su un registro apposito che i Comuni possono attivare, ma è possibile farlo anche davanti a un medico del Servizio sanitario nazionale.
Esiste un vademecum al biotestamento rilasciato dal ministero della Salute che rilascia le indicazioni "operative"  indirizzati ai cittadini che vogliano compilare le proprie Dat. 
La Legge di bilancio 2018 ha inoltre stanziato 2 milioni di euro per la realizzazione di una Banca dati nazionale delle Dat, che sono rinnovabili, modificabili e revocabili in ogni momento.
Le associazioni Meters-studi e ricerche per il sociale, Forza dei Consumatorie la FondazioneALevante sono da tempo impegnate in azioni di informazione e sensibilizzazione sul tema del fine vita e, in particolare, sul Testamento biologico. Si ricorderanno gli incontri sul tema realizzati a Gioia del Colle, ultimo quello con Mina Welby.
La cittadinanza è invitata.
 
 
territorialeLista News

Agrigento, maggiori garanzie di sicurezza per i cittadini nell'acquisto di immobili. Il Consiglio Notarile e l’Ordine degli Ingegneri siglano una convenzione

COMUNICATO STAMPA

Agrigento, maggiori garanzie di sicurezza per i cittadini nell’acquisto di immobili. Il Consiglio Notarile di Agrigento e l’Ordine degli Ingegneri siglano una convenzione 

Un protocollo d’intesa tra il Consiglio Notarile dei Distretti riuniti di Agrigento e Sciacca e l’Ordine degli Ingegneri. È stato firmato nei giorni scorsi, nell’ambito del convegno ‘Ars Notaria, scienza e prassi alla luce delle recenti attività normative’.

Una convenzione per rafforzare la collaborazione tra le categorie professionali dei Notai e degli Ingeneri, rappresentati dal Presidente Alberto Avenia, per un’attività sinergica che contribuisca a rendere gli atti di trasferimento immobiliare in linea con i più elevati parametri di sicurezza nell’interesse dei cittadini.

Al momento dell’acquisto di un immobile, il cittadino potrà fare richiesta di una relazione tecnica integrata, redatta da un ingegnere con una serie di informazioni dettagliate sullo stato del bene. In particolare, l’esatta descrizione dell’immobile, l'attestazione della conformità catastale oggettiva e in generale l’analisi della storia urbanistico-edilizia del bene.

“Nel caso in cui un immobile presenti particolari criticità, urbanistiche e/o catastali, il notaio potrà suggerire al cliente l'opportunità di richiedere una perizia asseverata sullo stato dell’immobile – spiega il Notaio Claudia Gucciardo, Presidente del Consiglio dei Distretti riuniti di Agrigento e Sciacca – ma la redazione di tale perizia è facoltativa, rappresenta un'opportunità e non una necessità”.

Notai ed Ingegneri si impegnano a organizzare nei prossimi mesi una serie di incontri per mettere a punto la convenzione tra i due Ordini professionali. 

 

Ufficio stampa Comitato regionale Notarile della Sicilia -  Laura Grimaldi 336/676766                                                                               

territorialeLista News

Consulenza gratuita per i detenuti. A Palermo siglato un accordo con la Casa di reclusione Ucciardone

COMUNICATO STAMPA

Convenzione tra il Consiglio Notarile di Palermo e la direzione dell’Ucciardone. Consulenza gratuita per i detenuti. Oggi la firma tra Mario Marino e Rita Barbera

Tre gli incontri da luglio a dicembre. Si affronteranno tematiche sociali e giuridiche 

Palermo, 7 giugno 2018. Attività di consulenza notarile gratuita e di informazione a favore dei detenuti della Casa di reclusione Ucciardone di Palermo.

Stamattina la firma della convenzione tra il Notaio Mario Marino, Presidente del Consiglio dei  Distretti Notarili riuniti di Palermo e Termini Imerese e la direttrice del carcere Rita Barbera.

La convenzione avrà la durata di un anno e sino a dicembre sono tre gli incontri previsti. Si svolgeranno all’interno del polo didattico intitolato lo scorso aprile al segretario regionale del Pci, Pio La Torre, assassinato nel 1982.

“L’attività di informazione – riporta la convenzione - avrà al centro tematiche di interesse generale che presentano risvolti anche sul piano giuridico”. Tra queste: unioni civili, convivenze, diritto di famiglia, testamento biologico.

Il primo incontro si terrà in luglio. “La rieducazione del detenuto – dice il Presidente Marino – principio sancito dalla nostra Costituzione, è indispensabile per il reinserimento del detenuto. Un obiettivo che la società deve perseguire anche attraverso le associazioni laiche e religiose, le libere professioni, il volontariato”.

“È un’opportunità culturale e di conoscenza che viene offerta alla comunità penitenziaria da parte dei notai che metteranno a disposizione le proprie competenze professionali a titolo gratuito anche per consulenza – dice la direttrice della Casa di reclusione, Rita Barbera -. Una iniziativa che viene incontro alle esigenze di quei detenuti che versano in precarie condizioni economiche e che non sono nelle condizioni di far fronte alle spese conseguenti a tale bisogno”.

Alla firma della convenzione erano presenti il Notaio Leopoldo D’Angelo, Segretario del Consiglio Notarile di Palermo e Nunzio Brugognone, responsabile dell’area pedagogica dell’Ucciardone.

 

Ufficio stampa Comitato regionale Notarile della Sicilia

Laura Grimaldi 336/676766 grimaldilaura27@gmail.com  

territorialeLista News

A tutela del cittadino nelle compravendite immobiliari, sottoscritto a Siena il protocollo di intesa per la Relazione integrata di conformità edilizia e catastale

Il giorno 12 giugno verrà siglato a Siena, presso l’Auditorium Università degli Studi, alle ore 15, il protocollo d’intesa - condiviso tra notai, architetti, ingegneri, geometri, periti industriali ed agenti immobiliari - relativo alla “Relazione integrata di conformità edilizia e catastale”.   

L’intesa, volta a garantire ai cittadini e ai professionisti coinvolti la certezza della regolarità urbanistica e della conformità catastale dell’immobile, verrà sottoscritta in occasione di un convegno scientifico dedicato all’argomento, dal Presidente del Consiglio Notarile di Siena e Montepulciano Massimo Pagano, dal Presidente dell’Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Siena Francesco Ventani, dal Presidente dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Siena Francesco Vontagnani, dal Presidente del Collegio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati della Provincia di Siena Moreno Giardini e dal Presidente del Collegio provinciale di Siena della Federazione Italiana Agenti Immobiliari Professionali Francesco La Commare, che modererà il convegno stesso.

Nel corso del convegno, aperto al pubblico, verrà presentato il protocollo di intesa, illustrata la Relazione integrata di conformità edilizia e catastale, e si susseguiranno interventi su "Consensualismo ed opponibilità", "Le esigenze del mercato immobiliare", "La circolazione giuridica degli immobili", a cura del notaio Andrea Pescatori, "Analisi e sintesi della conformità edilizia dei beni", "Abitabilità/Agibilità", "La conformità catastale" e sullo "Schema di incarico professionale”.

territorialeLista News

Firmata la Convenzione per lo svolgimento anticipato del tirocinio notarile per gli studenti dell’Università degli Studi di Bergamo

COMUNICATO STAMPA

Bergamo, 1 giugno 2018 – Il Presidente del Consiglio Notarile di Bergamo, Maurizio Luraghi, e il Rettore dell’Università degli Studi di Bergamo, Remo Morzenti Pellegrini, hanno sottoscritto quest’oggi la Convenzione sul tirocinio per l’accesso alla professione notarile in concomitanza con l’ultimo anno del Corso di Laurea in Giurisprudenza. 

L’intesa consente agli studenti iscritti al Corso di Laurea magistrale in Giurisprudenza di svolgere presso i notai del distretto notarile di Bergamo i primi sei mesi di tirocinio per l’accesso alla professione notarile, in concomitanza con l’ultimo anno del Corso di Laurea. 

La Convenzione tra Università degli Studi di Bergamo e Consiglio Notarile di Bergamo dà attuazione alla Convenzione quadro stipulata il 7 dicembre 2016 tra Ministero della Giustizia, Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e Consiglio Nazionale del Notariato. 

L'ammissione allo svolgimento anticipato del tirocinio richiede che lo studente sia in regola con gli esami del Corso di Laurea e quindi che abbia superato tutti gli esami dei primi quattro anni. 

Il tirocinio dovrà svolgersi secondo modalità idonee a garantire la frequenza dei corsi e la proficua conclusione degli studi universitari. Lo studio notarile deve essere frequentato in modo effettivo per almeno 200 ore nell’arco dei sei mesi, con una frequenza di almeno otto ore alla settimana, distribuite su almeno due giorni settimanali

La Convenzione prevede anche collaborazione didattica tra il Consiglio Notarile e l’Università degli Studi di Bergamo. Nel dettaglio, il Consiglio Notarile si impegna a dare ampia diffusione agli studenti tirocinanti circa le iniziative formative attivate durante il periodo di tirocinio, anche in coordinamento con le Scuole di Notariato riconosciute dal Consiglio Nazionale del Notariato, e ad ammettere gli studenti tirocinanti a tutte le proprie iniziative formative. 

Il Dipartimento di Giurisprudenza si impegna ad informare gli studenti, in merito alle offerte formative e ai percorsi finalizzati all'accesso alla professione notarile. 

La Convenzione ha la durata di un anno, a decorrere dalla data di sottoscrizione (1 giugno 2018), e verrà rinnovata di anno in anno su espressa volontà delle parti. 

Per l’Anno Accademico 2018/2019, gli studenti che intendano effettuare il tirocinio per l’accesso alla professione di Notaio devono presentare domanda entro il 31 gennaio 2019.  

I referenti organizzativi per l'attivazione ed il coordinamento dei tirocini sono, per il Consiglio Notarile di Bergamo, i notai Marco Ruggeri ed Ernesto Sico, e per il Dipartimento di Giurisprudenza dell'Università degli Studi di Bergamo, il professor Antonio Banfi.

Maurizio Luraghi, Presidente del Consiglio Notarile di Bergamo: “Anticipare il tirocinio e avviare gli studenti alla pratica notarile prima della conclusione del percorso universitario risponde all’esigenza di far acquisire ai giovani una più immediata conoscenza culturale e metodologica della professione di notaio, ottimizzando i tempi di accesso al lavoro. Questa Convenzione – che si unisce ad altre iniziative congiunte tra notai e Università – crea un reale ed effettivo collegamento fra il contesto universitario e quello lavorativo-professionale, attraverso un dialogo più intenso e diretto fra mondo accademico ed attività notarile”.

Remo Morzenti Pellegrini, Rettore dell’Università degli Studi di Bergamo: “L’Università degli Studi di Bergamo crede fortemente nella costituzione di una filiera formativa delle professioni. L’accordo sottoscritto oggi con il Consiglio dei Notai conferma l’impegno dell’Università ad interagire con il mondo delle professioni e più in generale del lavoro fornendo agli studenti gli strumenti per intraprendere un percorso formativo completo e qualificato, in prospettiva di una futura e brillante occupazione”.

La Convenzione (clicca qui).

Pages