Impresa

Come costituire una società? Quale tipologia risponde meglio alle proprie esigenze e agli scopi da raggiungere? È consigliabile rivolgersi per tempo al notaio per programmare la nascita e la vita di un’impresa. Leggi la sezione per saperne di più.

Casa

L’acquisto di una casa è certamente una delle operazioni economiche più importanti nella vita di una persona e il notaio per legge tutela acquirente e venditore. Visita la sezione per capire quali sono i passaggi da seguire prima del rogito e acquistare un immobile in totale sicurezza.

Famiglia

Famiglia e rapporti di parentela; donazioni e successioni; come tutelarsi in caso di convivenza o modificare il regime patrimoniale del matrimonio. Approfondisci tutto quello che c’è da sapere nella sezione e scopri come il notaio può aiutarti.

You are here

    Il Consiglio Nazionale del Notariato

    Il Consiglio Nazionale del Notariato è l'organo di rappresentanza politica della categoria. È composto da venti notai, eletti direttamente - con limite di due mandati consecutivi - da tutti i notai in esercizio con elezioni che si svolgono ogni tre anni. Con le stesse modalità vengono eletti i tre componenti del Collegio dei Revisori dei Conti. I venti Consiglieri eletti nominano dopo l'insediamento: il Presidente, il Vice Presidente, il Segretario ed il Comitato esecutivo.

    • tag:

    Vero / Falso

    archivio
    nazionaleLista News

    Antiriciclaggio: boom di segnalazioni di operazioni sospette da parte dei notai

     

    Sul sito della Banca d'Italia è stato pubblicato il Bollettino semestrale U.I.F. contenente i dati relativi alle segnalazioni di operazioni sospette di riciclaggio e finanziamento di terrorismo effettuate nel primo semestre 2012.

     

    Si riporta la nota di presentazione:

     

    "È proseguita nel primo semestre del 2012 la cospicua crescita delle segnalazioni di operazioni sospette inoltrate all’UIF: sono state infatti 34.458 le segnalazioni pervenute attraverso il nuovo sistema di raccolta e gestione “RADAR”, con un incremento, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, del 44,3%.

     

    Per la prima volta si è assistito a una robusta crescita - anche se i valori assoluti restano modesti - delle segnalazioni inoltrate dai professionisti e operatori non finanziari, passate da 223 nel primo semestre 2011 a 1113 nel primo semestre dell’anno in corso, soprattutto per il contributo dato dal notariato (dalle 195 nell’intero 2011 a 844 nel periodo in esame).

     

    Di contro, si è accentuata la flessione delle segnalazioni di sospetto finanziamento del terrorismo e dei programmi di proliferazione delle armi di distruzione di massa, che sono passate da 239 nell’anno 2011 a 83 nel primo semestre 2012.

     

    Sono stati 756 i soggetti obbligati delle varie categorie che hanno effettuato nel corso del semestre almeno una segnalazione. Di questi, 521 sono banche, che continuano a essere di gran lunga le più attive dal punto di vista segnaletico. Limitato è il numero dei segnalanti che ha trasmesso più di 500 segnalazioni (12). Sono stati invece 613 i soggetti obbligati che hanno inviato fino a 20 segnalazioni e 131 quelli che ne hanno effettuate da 21 a 500. Il 71,3% delle segnalazioni inviate da banche trae origine da rilevazioni di sportello, mentre l’11,6% da controlli delle strutture centrali antiriciclaggio. Una quota pari al 10,7% deriva da anomalie riscontrate da sistemi automatici.

     

    Sotto il profilo territoriale, in merito alle segnalazioni di sospetto riciclaggio trasmesse dagli intermediari finanziari, si confermano ai primi posti la Lombardia (18% del totale), la Campania (11,6%), il Lazio (11,5%) e l’Emilia Romagna (8%).

     

    È proseguita intensa la collaborazione con l’Autorità Giudiziaria: nel primo semestre l’Unità ha ricevuto 96 richieste di informazioni da parte dell’AG.

     

    L’attività ispettiva e le verifiche cartolari hanno fatto emergere sia violazioni di possibile rilievo penale sia infrazioni di natura amministrativa: nel corso del semestre sono state avviate 10 procedure amministrative sanzionatorie e individuate 55 fattispecie di rilevanza penale tradottesi in 51 denunce ex art. 331 c.p.p. e 4 informative utili a fini di indagine.

     

    Parimenti intenso è stato lo scambio informativo con le FIU estere: per il tramite dei circuiti di scambio internazionali (Egmont e FIUNET) sono pervenute all’UIF 349 richieste di informazioni e ne sono state inoltrate 99, delle quali 67 per rispondere ad esigenze dell’AG e 32 per l’analisi finanziaria delle segnalazioni.

     

    Nel corso del semestre l’Unità ha proseguito la propria attività di predisposizione e diffusione degli schemi e modelli di comportamento anomalo sul piano economico e finanziario, pubblicando gli schemi operativi sul rischio di frodi nell’attività di factoring e sull’operatività connessa con le frodi internazionali e nelle fatturazioni, atteso che evasione fiscale e riciclaggio sono fenomeni strettamente collegati."

     

    nazionaleLista News

    Antiriciclaggio: le Linee guida per l'adeguata verifica della clientela adottate dal CNN

     
    Il 22 maggio 2014 si è tenuta presso il Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF) una riunione del Comitato di Sicurezza Finanziaria (CSF), nel corso della quale si è svolta la discussione delle Linee guida per l’adeguata verifica della clientela adottate dal Consiglio Nazionale del Notariato.
     
    La presa d’atto del documento da parte del CSF rappresentava l’ultimo passaggio formale anche ai fini della definitiva adozione e divulgazione all’esterno delle Linee guida. Il documento, frutto del confronto costante e della partecipazione fattiva del Gruppo Antiriciclaggio del CNN con il MEF, l’Unità d’Informazione Finanziaria (UIF) e la Guardia di Finanza (GDF), è stato valutato in termini estremamente positivi dai componenti del CSF che ne hanno evidenziato l’utilità ed espresso apprezzamento per la proficua collaborazione del Consiglio Nazionale del Notariato con i soggetti istituzionalmente coinvolti nella predisposizione e nell’applicazione della normativa in tema di antiriciclaggio.
     
    Nella riunione è stata rilanciata dal Notariato la proposta di istituire presso il CNN un sistema di conservazione informatica degli atti (archivio) che possa essere utilizzato dalla Guardia di Finanza e dalla Direzione Investigativa Antimafia, così come previsto dall’art. 38 numero 6-bis del d.lgs. n. 231/2007 e richiesto da Procura antimafia, UIF e GdF anche in occasione del Convegno tenutosi a Napoli l’11 aprile u.s. "Notariato e antiriciclaggio. Le nuove linee guida e gli aspetti operativi".
    nazionaleLista News

    Segnalazioni antiriciclaggio, notariato in prima fila

    Sul sito della Banca d'Italia è stato pubblicato il Bollettino semestrale U.I.F. contenente i dati relativi alle segnalazioni di operazioni sospette di riciclaggio e finanziamento di terrorismo effettuate nel primo semestre 2011.


    Si registra una sostanziale crescita delle segnalazioni delle operazioni sospette pari a complessivamente a 23.800 con un incremento di circa il 57 per cento rispetto allo stesso periodo del 2010.


    Dal documento risulta, in particolare, che i professionisti e gli operatori non finanziari, quali destinatari della normativa antiriciclaggio, hanno effettuato 223 segnalazioni (un numero corrispondente a quelle effettuate nell'intero 2010 che ha registrato dati in crescita rispetto agli anni precedenti) delle quali 106 sono state inviate agli organi investigativi e soltanto 8 sono state archiviate.


    Le segnalazioni sono state effettuate maggiormente nelle seguenti regioni: Lazio, Lombardia, Toscana ed Emilia Romagna.


    I notai, con 84 segnalazioni  di operazioni sospette,  sono i professionisti - tra quelli chiamati a collaborare nell’azione di contrasto del fenomeno  - che ne  hanno fatto pervenire di più.  In 47 casi le segnalazioni sono state effettuate avvalendosi del Consiglio Nazionale del Notariato quale intermediario, ai sensi dell'art. 43 del D.lgs. n. 231/07.


     

    nazionaleLista News

    Antiriciclaggio: il Notariato è la categoria che ha fatto più segnalazioni di operazioni finanziarie sospette

    Il riciclaggio di denaro sporco costituisce uno degli ostacoli più duri per lo sviluppo dell’economia italiana.

     

    Secondo le stime dell’Eurispes e dell’Osservatorio usura di Confesercenti, il fenomeno rappresenta il 10% del Pil - per un valore complessivo tra i 75,7 e 110 miliardi di euro -  contro il 5% a livello mondiale stimato dal Fondo Monetario Internazionale.
     

    Da anni cresce in Italia il contributo dei professionisti contro il riciclaggio, frutto di una cultura  ancora in pieno sviluppo nel mondo degli operatori economico-giuridici.
     

    Da una ricerca presentata dall’Unità di informazione finanziaria della Banca d’Italia risulta che,  tra i professionisti chiamati a collaborare nell’azione di contrasto del fenomeno,  dal 2007 ad oggi  i notai sono i professionisti che hanno fatto pervenire più segnalazioni di operazioni sospette (482) .
     

    Il Notariato sta lavorando per attivare ulteriori protocolli con la Guardia di Finanza e la Direzione investigativa antimafia del Ministero dell’Interno, che consentano di gestire in forma anonima e telematica le richieste di approfondimento sulle operazioni. Inoltre, è disponibile a sostenere gli archivi informatici voluti dalla Dia e dal Ministero della Giustizia.

     

    Ulteriori misure per far fare un passo avanti alla lotta contro il riciclaggio.


     

    Pages