Impresa

Come costituire una società? Quale tipologia risponde meglio alle proprie esigenze e agli scopi da raggiungere? È consigliabile rivolgersi per tempo al notaio per programmare la nascita e la vita di un’impresa. Leggi la sezione per saperne di più.

Casa

L’acquisto di una casa è certamente una delle operazioni economiche più importanti nella vita di una persona e il notaio per legge tutela acquirente e venditore. Visita la sezione per capire quali sono i passaggi da seguire prima del rogito e acquistare un immobile in totale sicurezza.

Famiglia

Famiglia e rapporti di parentela; donazioni e successioni; come tutelarsi in caso di convivenza o modificare il regime patrimoniale del matrimonio. Approfondisci tutto quello che c’è da sapere nella sezione e scopri come il notaio può aiutarti.

Si precisa che nella ricerca effettuata sui files PDF non vengono presi in considerazione i caratteri speciali. Per esempio:
' , ; . : _ - ? ! # @ * [ ] + ^ " / \ > < | ° § ! & ( ) { }

Ufficio Studi

Consulta l'archivio degli studi elaborati dalle Commissioni di studio, approvati dal Consiglio Nazionale del Notariato e ritenuti di interesse generale.

788results
  • Studio n. 2-2020/B - L’identificazione non in presenza fisica nel contrasto al riciclaggio ed al terrorismo internazionale - di Gea Arcella, Laura Piffaretti e Michele Manente

    N.B.: Lo studio è stato sostituito dal n. 2/Bis 2020 B del 2-11-2020 a seguito dell’entrata in vigore del Decreto-Legge n. 76/2020, convertito con la Legge n. 120/2020 - SOMMARIO: A - Il documento GAFI; B - Cenni sull’identificazione e sull’identità digitale; C - La legislazione italiana sull’identificazione a distanza in ambito AR; D - Gli strumenti di identificazione a distanza; E - Identificazione a distanza di cliente ed esecutore; F - Le modalità di colloquio con il cliente e l’interazione con un operatore che supervisioni l'identificazione/verifica dell’identità del cliente collegato in remoto; G - Il problema della sottoscrizione delle dichiarazioni ex art. 22; Conclusioni.

  • Studio n. 52-2020/C - Sulla modificabilità dell'ordine legale di riduzione delle donazioni - di Giovanni Perlingieri

    SOMMARIO: 1. Il notaio custode della tradizione e garante di una innovazione. La tesi tradizionale: derogabilità del criterio proporzionale di riduzione delle disposizioni testamentarie ex art. 558, comma 2, c.c. e inderogabilità del criterio cronologico ex artt. 559 e 564, comma 4, c.c. – 2. Osservazioni critiche. La prassi e i limiti di operatività del criterio cronologico. – 3. Le ragioni giustificative delle norme richiamate: condizioni e limiti di inderogabilità. Consenso dei donatari anteriori sfavoriti e derogabilità del criterio cronologico di riduzione delle donazioni lesive, nei limiti della quota riservata ai legittimari. 4. Segue. Tutela dei legittimari e controllo di conformità ai divieti dei patti successori (ex art. 458 c.c.) dell’accordo modificativo dell’ordine legale di riduzione delle donazioni. – 5. Segue. I terzi, gli aventi causa e il problema della pubblicità dell’atto. Il ruolo del notaio.

  • Studio n. 20-2020/T - Le detrazioni fiscali riferite agli immobili: panoramica generale e questioni di interesse notarile - di Roberto Martino

    Gli interventi di miglioramento del patrimonio edilizio da parte di soggetti privati beneficiano di consistenti agevolazioni fiscali; alcune di queste agevolazioni sono risalenti, altre sono di più recente introduzione. Tutte le agevolazioni che verranno esaminate sono congegnate con il meccanismo della detrazione di una parte della somma spesa dal reddito delle persone fisiche e, per alcune particolari fattispecie, anche da quello di soggetti passivi Ires. (...)

  • Studio n. 38-2020/T - Il contratto di affidamento fiduciario e fiscalità indiretta: dalla traslatività alla 'funzionalità' - di Adriano Pischetola

    Sommario: 1. Premessa. 2. Rilevanza del 'programma', appartenenza dei beni ed inferenze sul piano fiscale. 3. Supporti offerti dalla prassi amministrativa. 4. La rilevanza fiscale del contratto nella sua variegata morfologia. 5. Il supporto dell’analogia nella ricerca di criteri impositivi. 6. Le previsioni del disegno di legge n. 1452.

  • Studio n. 76-2020/I - I limiti statutari e legali alla possibilità per gli enti del Primo Libro di operare trasformazioni, fusioni o scissioni - di Federico Magliulo

    Sommario: 1. Il principio della possibilità per gli enti del Primo Libro di effettuare reciproche trasformazioni, fusioni e scissioni - 2. I limiti statutari quali eccezioni al principio della libertà alla possibilità per gli enti del Primo Libro di operare trasformazioni, fusioni o scissioni - 3. Gli enti costituiti anteriormente all’entrata in vigore dell’art. 42-bis c.c. - 4. L’introduzione del divieto di addivenire ad operazioni straordinarie successivamente alla costituzione dell’ente - 5. La possibilità di sopprimere il divieto statutario di realizzazione di trasformazioni, fusioni e scissioni - 6. Ammissibilità della soppressione del divieto contestualmente all’operazione straordinaria - 7. I limiti alla sopprimibilità del divieto - 8. I limiti legali - 8.1 I limiti alle operazioni straordinarie che determinino la perdita della qualifica di impresa sociale: cenni e rinvio - 8.2. I limiti alle operazioni straordinarie che determinino la perdita della qualifica di ente del terzo settore.

  • Studio n. 77-2020/I - Fusione e scissione di associazioni riconosciute e fondazioni - di Federico Magliulo

    Sommario: 1. Il nuovo art. 42-bis c.c. nel quadro della riforma del Terzo settore - 2. Riferibilità del nuovo art. 42-bis c.c. alle sole operazioni poste in essere all’interno degli schemi causali propri degli enti del Primo Libro - 3. Applicabilità del nuovo art. 42-bis c.c. anche agli enti del Primo Libro non del Terzo settore - 4. I limiti alla possibilità per gli enti del Primo Libro di operare fusioni o scissioni: cenni e rinvio - 5. Il principio dell’applicabilità alla fusione ed alla scissione delle norme in materia societaria e le sue implicazioni sull’ammissibilità dell’operazione e sul suo iter procedurale - 6. La pubblicità degli atti del procedimento - 6.1. Il principio dell’applicazione delle regole di pubblicità proprie del tipo organizzativo coinvolto nell’operazione - 6.2. La pubblicità degli atti del procedimento sul sito internet dell’ente - 6.3. Gli adempimenti di cui all’art. 2501-ter c.c. - 6.4. Gli adempimenti di cui all’art. 2501-septies c.c. - 7. La disciplina della fusione a seguito di acquisizione con indebitamento - 8. La situazione patrimoniale (...)

  • Studio n. 50-2020/C - Scioglimento della comunione legale e successiva libera disponibilità delle quote da parte dei coniugi - di Michele Labriola

    Sommario: 1. Il problema. 2. La convenzione di separazione dei beni quale causa di scioglimento della comunione legale dei beni. 3. Il contenuto della separazione dei beni. 4. Brevi cenni sulla natura giuridica della comunione legale dei beni. 5. La sentenza della Cassazione, 28 febbraio 2018, n. 4676. 6. Effetti patrimoniali dello scioglimento della comunione legale dei beni alla luce degli orientamenti della giurisprudenza e della dottrina. 7. Conclusioni e considerazioni operative.

  • Studio n. 76-2018/C - Terremoto ed effetti sull'ipoteca gravante su diritti aventi ad oggetto immobili periti - di Federico Tedeschi Porceddu

    Sommario: 1. Introduzione. - 2. Estinzione dell'ipoteca per perimento del bene ipotecato: art. 2878 n. 4 c.c. - 3. Ipoteca e perimento di bene immobile in proprietà. - 4. Ipoteca e perimento di bene immobile in diritto d'usufrutto; 4.1. Generalità; 4.2. Le singole ipotesi; 4.3. Rapporto tra l'art. 1019 c.c. e l'art. 2742 c.c. - 5. Ipoteca e perimento di bene immobile in diritto di superficie; 5.1. Generalità; 5.2. Le singole ipotesi. - 6. Ipoteca e perimento di bene immobile in diritto d'enfiteusi. - 7. Contitolarità di beni; 7.1. Generalità; 7.2. Ipoteca a carico di contitolari; 7.2.1. Ipoteca a carico di tutti i comproprietari; 7.2.2. Ipoteca concessa da un comproprietario; 7.3. Ipoteca e perimento di edificio condominiale; 7.3.1. Generalità; 7.3.2. Il perimento totale dell'edificio; 7.3.3. Il perimento che rappresenti almeno tre quarti del valore dell'edificio; 7.3.4. Il perimento che rappresenti meno dei tre quarti del valore dell'edificio; 7.3.5. Applicazione del 4° comma all'ipotesi di perimento totale; 7.3.6. L'ipoteca e le singole ipotesi di perimento; 7.4. La ricostruzione; 7.5. La sorte delle ipoteche nel caso di ricostruzione; 7.5.1. Generalità; 7.5.2. In caso di perimento totale; 7.5.3. In caso di perimento per un valore pari a tre quarti dell'edificio; 7.5.4. In caso di perimento inferiore ai tre quarti dell'edificio.

  • Studio n. 182-2019/T - Plusvalenze immobiliari: analisi di recenti documenti di prassi e arresti giurisprudenziali - di Francesco Raponi

    Indice: Introduzione - 1. Qualifica del soggetto alienante - 1.1 Plusvalenze immobiliari: nel reddito d’impresa e nei redditi diversi - 2. Qualifica del soggetto alienante e delle cause di esclusione da plusvalenze in relazione all'attività edilizia propedeutica al trasferimento oneroso - 2.1 Attività edilizia e qualificazione del reddito - 2.2 Attività edilizia: rilevanza nella determinazione ed emersione delle plusvalenze immobiliari nei redditi diversi - 2.2.1 Redditi diversi: cessione infraquinquennale a seguito di frazionamento edilizio - 2.2.2 Redditi diversi: cessione infraquinquennale a seguito di modifica di destinazione d’uso - 3. Accertamento della sussistenza di cause di esclusione - 3.1.1 Cessione onerosa di fabbricati effettuata dopo 5 anni dall’acquisto: vendita di fabbricati destinati alla demolizione - 3.1.2. Cessione onerosa di fabbricati effettuata dopo 5 anni dall’acquisto: Vendita con riserva della proprietà; vendita a rate 3.1.3 Cessione onerosa di fabbricati effettuata dopo 5 anni dall’acquisto: vendita autonoma di pertinenza di abitazione principale costituente box auto - 3.1.4 Cessione onerosa di fabbricati effettuata dopo 5 anni dall’acquisto: vendita di abitazione dopo l’atto di “trasformazione” della proprietà superficiaria in piena proprietà - 3.2 Vendita avente ad oggetto fabbricati pervenuti per successione anche se posta in essere nei cinque anni dal decesso del dante causa - 3.3 Vendita di terreni non suscettibili di utilizzazione edificatoria e di fabbricati pervenuti per usucapione accertata in sede di mediazione - 4. Elementi costitutivi della fattispecie - Costo di acquisto del bene oggetto dell'operazione - 4.1. Beni pervenuti per donazione - 4.2 Applicazione della disciplina anche agli altri atti a titolo gratuito e alla categoria più ampia degli atti senza corrispettivo - 4.3 Operazioni concluse per un corrispettivo diverso dal danaro - 4.4 Vendita della piena proprietà dopo l’acquisto separato di nuda proprietà e di usufrutto.