MENU

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE
DEL NOTARIATO

Notai d’Europa, Georgios Rouskas è il nuovo Presidente

RSS

17/01/2020

Nazionale

Il 14 gennaio scorso Georgios Rouskas è diventato il nuovo Presidente del Consiglio dei notariati dell’Unione europea (CNUE) per il 2020 in occasione della cerimonia tenutasi ad Atene alla presenza del presidente della Repubblica ellenica, Prokópis Pavlópoulos. Succede al notaio francese Pierre-Luc Vogel.

Tra le sue priorità in agenda, Rouskas intende concentrarsi su questioni relative al diritto societario, in particolare al recepimento nel diritto nazionale della direttiva sul ciclo di vita delle imprese, sulla lotta al riciclaggio di denaro e al finanziamento del terrorismo, nonché alle numerose sfide legate alla digitalizzazione (catene a blocchi, intelligenza artificiale, ecc.) su cui le istituzioni europee hanno già annunciato la loro disponibilità a concentrare i propri sforzi

_________________________
CNUE:

Il Consiglio dei Notariati dell’Unione Europea (CNUE) è l’organismo ufficiale e rappresentativo della professione notarile presso le istituzioni europee. Portavoce della professione, esprime le decisioni comuni dei membri presso le istituzioni dell’Unione Europea ed ha sede a Bruxelles.
La funzione del Cnue è quella di promuovere il notariato e le sue politiche attive all’interno delle istituzioni europee, con particolare riguardo agli aspetti legati alla libera circolazione dei cittadini, alla protezione dei consumatori, alla sicurezza ed allo sviluppo economico nell’eurozona. Il CNUE gestisce anche le relazioni con gli stati membri, informandoli tempestivamente sugli sviluppi della legislazione europea ed occupandosi dell’aggiornamento dei notai in materia di diritto comunitario.
Costituito nel 1993, rappresenta 22 dei 28 paesi appartenenti all’UE: Austria, Belgio, Bulgaria, Croazia, Estonia, Francia, Germania, Grecia, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Olanda, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna e Ungheria. La Turchia, la Serbia e il Montenegro ne sono membri osservatori.
 

Condividi
Altri Articoli

Nazionale

28/04/2022

Il 6 maggio a Palermo presso il Circolo Ufficiali dell’Esercito con ingresso gratuito