Impresa

Come costituire una società? Quale tipologia risponde meglio alle proprie esigenze e agli scopi da raggiungere? È consigliabile rivolgersi per tempo al notaio per programmare la nascita e la vita di un’impresa. Leggi la sezione per saperne di più.

Casa

L’acquisto di una casa è certamente una delle operazioni economiche più importanti nella vita di una persona e il notaio per legge tutela acquirente e venditore. Visita la sezione per capire quali sono i passaggi da seguire prima del rogito e acquistare un immobile in totale sicurezza.

Famiglia

Famiglia e rapporti di parentela; donazioni e successioni; come tutelarsi in caso di convivenza o modificare il regime patrimoniale del matrimonio. Approfondisci tutto quello che c’è da sapere nella sezione e scopri come il notaio può aiutarti.

You are here

nazionaleLista News

AISM e Notariato, 7 giorni di incontri per guardare al futuro


COMUNICATO STAMPA
Settimana Nazionale dei lasciti AISM, dal 20 al 26 gennaio
7 giorni di incontri sui lasciti testamentari

AISM – Associazione Italiana Sclerosi Multipla - rinnova l’impegno a fare cultura sul lascito solidale, capace di  garantire il futuro della ricerca e dare a tanti giovani la speranza in una cura definitiva

Sono oltre 3 milioni gli italiani che si dichiarano orientati ad inserire un lascito nelle ultime volontà: 900mila connazionali dichiarano di aver già predisposto un testamento solidale e altri 1,9 milioni sono intenzionati a prendere certamente in considerazione l’ipotesi di farlo. In Italia fare un lascito testamentario al non profit fino a qualche anno fa sembrava essere un tabù. Ma le cose sono cambiate. Si stima che il valore delle eredità in beneficienza sfiorerà i 130 miliardi di euro nel 2030 ma con tutto ciò, l’Italia rimane ancora fanalino di coda in Europa.
 
C’è sete di informazione. Per questo, in collaborazione e con il patrocinio del Consiglio Nazionale del Notariato, come ogni anno, torna la Settimana Nazionale dei Lasciti AISM. 50 incontri sul territorio tra il 20 e il 26 gennaio 2020, durante i quali i notai saranno a disposizione dei cittadini per spiegare e approfondire cosa prevede la legge italiana in materia di diritto successorio. Sette giorni per promuovere la conoscenza dei lasciti testamentari solidali, offrire tutte le informazioni per tutelare gli eredi legittimi, per sensibilizzare e far in modo che i lasciti diventino una realtà sempre più tangibile.
 
Il calendario degli incontri sul territorio e le informazioni sulla Settimana Nazionale AISM dei Lasciti sono disponibili al numero verde AISM 800-094464 e su www.aism.it/lasciti. Allo stesso numero si potrà anche richiedere gratuitamente la guida ai lasciti testamentari.
 
 
Lasciti: I fondi raccolti andranno a sostenere quella cura che ancora non c’è
 
La sclerosi multipla è una grave malattia del sistema nervoso centrale, cronica, imprevedibile e spesso progressivamente invalidante. Nel nostro Paese si registra una nuova diagnosi ogni 3 ore. Colpisce per lo più i giovani sotto i 40 anni e le donne. Il 10% della popolazione colpita non ha ancora compiuto 18 anni. La SM in età pediatrica si manifesta in un momento di piena crescita delle funzioni cerebrali, portando all’insorgenza di problemi cognitivi e di disabilità fisica.
 
Negli ultimi anni la ricerca ha fatto importanti passi avanti per rallentare la progressione della malattia e migliorare la qualità della vita delle 122 mila persone che, ricevono una diagnosi di sclerosi multipla. Ma la cura definitiva non è stata ancora trovata.
 
Cosa si può fare con un lascito testamentario
 
Nel proprio testamento possiamo ricordare AISM o la sua Fondazione FISM: questo gesto permetterà di garantire un futuro alla ricerca. Con un lascito ad AISM grande o piccolo che sia si può cambiare la vita di tante persone con sclerosi multipla e garantire loro ricerca, cura e assistenza. Come il lascito di Filippo o di Maria Antonietta: gesti concreti e di grande valore che hanno portato a realizzare strutture specializzare per le persone con SM e patologie similari. Con il lascito di Filippo è stata realizzata una parte del Polo Specialistico di Genova dove è stato possibile costruire una struttura attrezzata in cui si svolgono attività di ricerca all’avanguardia in ambito riabilitativo e sono garantiti servizi di riabilitazione alle persone con sclerosi multipla (SM) e patologie similari. E’ stato così anche con il lascito di Maria Antonietta che con il suo gesto ha contribuito alla nascita del Cento diurno socio riabilitativo di Torino che oggi assiste prevalentemente le persone con SM progressiva. Il Centro offre occasioni di vita comunitaria stimoli e possibilità di attività occupazionali e ricreativo-culturali, di mantenimento e attività socio-riabilitative.
 
Come un lascito può aiutare le persone con sclerosi multipla

Ecco alcuni esempi di cosa è possibile realizzare grazie a un lascito testamentario:
 
nell’ambito dell’assistenza
  • con 4.500 euro si può attivare un nuovo Sportello di accoglienza AISM, fondamentale per dare informazione e orientamento per le persone che convivono con la SM;
  • con 22.000 euro si può garantire, per un anno, il trasporto di persone con SM nel proprio territorio;
  • con 45.000 euro è possibile acquistare per AISM un pulmino attrezzato per il trasporto delle persone con SM;
 
 nell’ambito della ricerca
  • con 9.500 euro si può acquistare un’apparecchiatura elettromedicale;
  • con 26.000 euro si può sostenere una borsa di studio annuale FISM per un giovane ricercatore impegnato negli studi sulla SM;
  • con 34.000 euro si può erogare una borsa di studio annuale FISM per un ricercatore senior impegnato negli studi sulla SM.

Una campagna per sensibilizzare “TU SEI FUTURO”
 
TU SEI FUTURO è la campagna nata per sensibilizzare sull’importanza dei lasciti solidali al fine di realizzare i più importanti progetti di AISM e della sua Fondazione a favore delle persone con sclerosi multipla.
 
“Il mio presente è la sclerosi multipla, il mio futuro sei tu. Con un lascito ad AISM tu sarai quella cura che ancora non c’è”. È il messaggio della campagna che ha l’obiettivo di aumentare la consapevolezza, in ogni cittadino, sull’importanza di fare testamento e di poter decidere di contribuire a migliorare il futuro di molte persone con SM e dei loro familiari, affidando il proprio impegno a una semplice volontà mediante un lascito solidale.
 
La campagna, on air dal 7 gennaio, sarà articolata in un media mix che prevede la messa in onda di uno spot radio da 30”, una pianificazione su stampa, radio, web e
Digital, oltre ad essere diffusa anche sui social network dell’Associazione con l’hashtag  #TUSEIFUTURO.
 
Un ringraziamento speciale va a IGPDecaux che ha permesso di avere spazi pubblicitari gratuiti nelle città di Genova, Milano, Pavia, Lecco, Bologna, Parma, Prato, Pisa, Lucca, Roma, Napoli.
 
Chi è AISM.  l’Associazione che da oltre 50 anni eroga servizi, rappresenta e afferma i diritti delle 122 mila persone colpite da sclerosi multipla, e, attraverso la sua Fondazione (FISM), indirizza, promuove e finanzia la ricerca scientifica sulla SM in Italia.
 
Ufficio Stampa Nazionale AISM Onlus
Barbara Erba  - mobile  347 7581858  barbaraerba@gmail.com
Enrica Marcenaro – 010 2713414 enrica.marcenaro@aism.it
Responsabile Comunicazione e Ufficio Stampa AISM Onlus
Paola Lustro – tel. 010 2713834 paola.lustro@aism.it

nazionaleLista News

Papa Francesco incontra il Notariato in occasione dei 100 anni della Cassa Nazionale

Lo scorso venerdì 6 dicembre, in concomitanza con l’anniversario dei 100 anni dalla nascita della Cassa Nazionale del Notariato, una delegazione del Notariato è stata ricevuta da Sua Santità, Papa Francesco, nel Palazzo Apostolico Vaticano.

Il Papa ha ricordato che, nel farsi mediatori tra la legge e le tutele delle persone, i notai sono chiamati all’ascolto, al rispetto della dignità e dei diritti delle persone con lo sguardo rivolto in ogni istante al bene comune.

“In un contesto sociale segnato sempre più dal desiderio di gareggiare nell’’autostrada’ del profitto, che obbliga a marciare sempre nella corsia del sorpasso, voi siete chiamati ad esercitare il vostro ruolo in spirito di autentico servizio” - ha detto il Papa, nel corso dell’udienza -  “La vostra presenza nella dialettica della contrattazione è il sigillo non solo della legalità, di cui voi siete custodi, ma dell’equilibrio e della ponderatezza e quindi, in ultima analisi, della giustizia”, ha proseguito Francesco: “Nelle sfide che avete davanti aiutate la società a diventare più umana, mettendovi in ascolto e avvicinando il vostro sapere a tutti”.

“Si tratta di farsi mediatori tra la legge e le esigenze socio-economiche con il rigore che è proprio del notaio, fornendo una corretta applicazione delle norme, ma anche mediante la cura attenta delle aspettative della gente e del loro bisogno di certezze e di tutele”, ha spiegato il Papa: “Nell’ambito della sua attività il notaio, per essere coerente con la sua professione, si sforzerà di nutrire una sincera sensibilità per la dignità e i diritti delle persone che a lui si rivolgono; non mancherà di difendere come principi irrinunciabili tutto ciò che è giusto e tutto ciò che è vero; senza dimenticare la carità, virtù principale e necessaria nelle relazioni interpersonali”. “Essere protagonisti di un servizio efficace e fraternamente giusto – l’esortazione di Francesco – al fine di collaborare alla realizzazione di un ordine sociale che risponda più fedelmente alla legge di Dio e alle norme etiche che da questa derivano".

nazionaleLista News

Cristina Armella eletta Presidente dell’UINL - Per la prima volta una donna a capo dell’organizzazione internazionale dei notariati latini

Mercoledì 27 novembre 2019, il notaio argentino Cristina Noemi Armella è stato eletto Presidente dell'Unione Internazionale dei Notai (UINL) per la legislatura 2020-2022 dall'assemblea generale dei Notariati membri che si è tenuta a Jakarta dal 27 al 30 novembre.

E’ la prima volta che la carica viene assegnata ad una donna.

"Innovare senza perdere le proprie radici" è il principio che guiderà il nuovo Presidente nella sua azione di indirizzo dell’istituzione, che, ha dichiarato il notaio Arnella, “dovrà essere rafforzata a beneficio dei suoi membri e, in definitiva, di tutti i cittadini".

Le nuove tecnologie avranno un ruolo strategico, in quanto “strumenti efficaci per preservare la storia dell’UINL e la sua proiezione verso il futuro", compresa la creazione di una piattaforma virtuale per la formazione permanente.

La formazione continua è fra gli obiettivi principali della nuova presidenza: a livello globale con la World Notariat University e a livello continentale attraverso le consolidate Accademie notarili in America e in Europa, e tramite la creazione di nuove realtà in Africa e in Asia.

nazionaleLista News

Rapporto UNODC delle Nazioni Unite: Notariato istituzione cardine per la lotta a corruzione e riciclaggio

E’ stato pubblicato ieri sul sito UNODC delle Nazioni Unite l’ultimo rapporto relativo all’aderenza dell’ordinamento nazionale italiano a quanto stabilito dalla Convenzione contro la corruzione per il quinquennio 2016 – 2021, da cui emerge che l’Italia soddisfa pienamente i requisiti previsti in materia di anticorruzione e antiriciclaggio.

I notai ed il Consiglio Nazionale del Notariato sono espressamente menzionati quale presidio di legalità nelle transazioni giuridiche e nel controllo antiriciclaggio: nello specifico, è stato manifestato particolare apprezzamento per la funzione preventiva e di controllo esercitata dai notai, per l’attività di segnalazione delle operazioni sospette e per l’efficacia delle linee guida per il contrasto al fenomeno di cui la categoria si è dotata. Per la prima volta, infatti, il Notariato è stato ufficialmente inserito tra le istituzioni cardine per la lotta alla corruzione e al riciclaggio.

Il rapporto sottolinea inoltre come il Notariato contribuisca, attraverso la progressiva digitalizzazione della categoria, alla semplificazione delle procedure, migliorando così gli standard di trasparenza e l’efficacia dell’azione preventiva.

nazionaleLista News

Agenzia ICE e Notariato, firmato accordo per sostenere e orientare imprese estere che vogliono investire in Italia

E’ stato firmato, in occasione del 54° Congresso Nazionale del Notariato a Firenze dal titolo “La legalità al centro. Crescere nel rispetto della legge”, l’accordo operativo fra l’ICE - Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane e il Consiglio Nazionale del Notariato con l’obiettivo di sostenere e orientare le imprese estere interessate a investire in Italia.

Il progetto, firmato dal Presidente dell’Agenzia ICE, Carlo Ferro e dal Presidente del Consiglio Nazionale del Notariato, Cesare Felice Giuliani, nasce per favorire una cooperazione strutturata dell’ICE con i notai, prevista dalla Cabina di regia per l’Italia Internazionale, in grado di valorizzare la loro funzione di raccordo fra istituzioni e imprese. 

"La collaborazione con il Consiglio Nazionale del Notariato riflette la strategia di ICE di una presenza sempre maggiore sul territorio e di partnership con le imprese" afferma Carlo Ferro, Presidente dell’Agenzia ICE. "C’è, infatti, una nuova ICE al servizio delle imprese che va sul territorio per rendere più fruibili i servizi offerti e che vuole collaborare con tutte le associazioni e i corpi intermedi per mettere la propria rete di 79 uffici esteri a disposizione di un’azione di sistema volta a portare più made in Italy nel mondo è più produzione dal mondo in Italia."

“Il sistema dei pubblici registri immobiliare e societario rappresenta un fattore di competitività per l’Italia e una garanzia di sicurezza per gli investitori stranieri”, ha dichiarato Cesare Felice Giuliani, Presidente del Consiglio Nazionale del Notariato. “ Per questo il Notariato, dopo aver redatto la prima “Guida doing business in Italy” nel 2015 insieme a Ice e cinque ministeri, si mette nuovamente a disposizione dell’Agenzia per sostenere lo sviluppo economico italiano nei mercati internazionali e incoraggiare gli investimenti dall'estero”.

Da parte dell’Agenzia ICE progressivamente sarà previsto il coinvolgimento dei notai in occasione di missioni ed eventi internazionali di presentazione delle opportunità di investimento in Italia.  Inoltre, l’ICE si impegna a promuovere incontri presso la Rete ICE estera in accordo con la rete diplomatico/consolare.

Il Notariato si impegnerà a:

  • garantire un’assistenza di primo livello ai funzionari dell’Agenzia ICE su specifiche richieste provenienti da imprese assistite;
  • garantire assistenza internazionale all’ICE e alle imprese assistite grazie al network dei notariati presenti nel mondo e aderenti all’Unione Internazionale del Notariato e al Consiglio dei Notariati dell’Unione Europea;
  • redigere strumenti di informazione sul ruolo e funzioni del notariato italiano agli investitori internazionali al fine di far conoscere i processi, i costi e i vantaggi in termini di competitività offerti dal controllo preventivo e dalla consulenza notarile;
  • prestare consulenza ed assistenza giuridica –anche su profili di carattere transfrontaliero- finalizzate alla pubblicità anche online e alla conseguente vendita degli immobili della vetrina ICE o di altri enti pubblici italiani a investitori stranieri;
  • sviluppare programmi informatici che possano permettere agli imprenditori italiani o esteri di utilizzare sistemi di tokenizzazione di asset anche di carattere finanziario, utilizzando modalità di registrazione anche diffusa (DLT), sempre che si tratti di beni mobili non iscritti in pubblici registri italiani;
  •  prestare consulenza a Paesi stranieri che intendano adottare sistemi giuridici di Civil Law, con particolare riferimento alla disciplina della proprietà immobiliare, della sua circolazione e della sua pubblicità in pubblici registri immobiliari e catastali.

La collaborazione tra Agenzia ICE e il Notariato nasce già nel 2015 come prima partnership governativa con un ordine professionale volta a sostenere e orientare le imprese italiane nei mercati internazionali e le imprese estere interessate a investire in Italia, grazie al coinvolgimento del network degli 88 paesi nel mondo in cui è presente l’intervento notarile ed alla rete degli 79 uffici dell’Agenzia ICE in 67 Paesi.


nazionaleLista News

Le tecnologie digitali al servizio degli italiani: il contributo del Notariato in un convegno a Roma

Si terrà martedì 29 ottobre pv. presso la Coffee House di Palazzo Colonna a Roma, il convegno pubblico nel quale sarà presentato il Rapporto I-Com su “Reti & Servizi di nuova generazione 2019”. 

ll format dell’evento - organizzato dall’Istituto per la Competitività (I-Com) un think tank fondato nel 2005 con sede a Roma e a Bruxelles - prevede una prima parte introduttiva con una relazione di Paola Pisano, neo ministro dell’Innovazione Tecnologica e Digitalizzazione. 

A seguire tre tavoli di discussione paralleli sui temi: I-Group 1 “Infrastrutture e servizi digitali. Come migliorare la competitività dell’Italia”; I-Group 2 “Intelligenza artificiale. La strategia italiana nel contesto europeo e internazionale”; I-Group 3 “Blockchain”. 

In questo gruppo sarà presente Alessandra Mascellaro, Consigliere Nazionale del Notariato e componente CdA Notartel, che discuterà insieme a politici, accademici e rappresentanti delle altre professioni, su strategie nazionali e strumenti che dovranno essere adottati per attuarle. 

Le sintesi delle discussioni e delle proposte emerse saranno presentate a conclusione del convegno di fronte a rappresentanti delle istituzioni nazionali e europee. Chiuderà i lavori Mirella Liuzzi, Sottosegretario di Stato Ministero dello Sviluppo. 

Il rapporto I-Com vuole descrivere lo stato di avanzamento del processo di digitalizzazione del nostro Paese, in una chiave di confronto internazionale tra le infrastrutture di telecomunicazione e i servizi digitali, con particolare attenzione ai sistemi di intelligenza artificiale e blockchain. 

Per informazioni e iscrizioni vai al sito web del convegno: https://www.i-com.it/2019/10/29/non-voglio-mica-la-luna-le-tecnologie-digitali-al-servizio-degli-italiani/.

nazionaleLista News

Per celebrare la Giornata Europea della Giustizia Civile il Notariato presenta “Questa Costituzione è uno spettacolo”

Mercoledì 23 ottobre, a partire dalle 10.30, in occasione della Giornata Europea della Giustizia Civile, il Notariato Italiano porterà in scena presso il Teatro Ghione di Roma  “Questa Costituzione è uno spettacolo”, una rappresentazione attraverso cui la Costituzione italiana verrà raccontata come se fosse un romanzo, intervallando testi e citazioni della Carta Costituzionale con musiche, film, richiami al giornalismo e giornalisti.

Nel corso della mattinata, dedicata ai 400 studenti delle ultime classi dell’Istituto d'Istruzione Superiore "Luigi Einaudi" di Roma, i notai ideatori e interpreti della rappresentazione, Fabrizio Olivero e Giulio Biino, consigliere nazionale del Notariato con delega alla comunicazione, avvicineranno i ragazzi in modo nuovo alla Legge fondamentale della Repubblica, trasformandola in una lettura prêt-à-porter, semplice e alla portata di tutti.

Lo spettacolo, introdotto dal notaio Valentina Rubertelli, consigliere nazionale del Notariato con delega al settore internazionale, sulla dimensione europea della giustizia e sulle istituzioni che la rappresentano, avrà una durata di due ore e vedrà momenti di interazione con gli studenti.

L’evento si inserisce fra gli appuntamenti che il Consiglio dei Notariati dell’Unione Europea dedica alla giornata europea della giustizia civile, istituita il 25 ottobre del 2003 dai delegati dei Ministri del Consiglio d'Europa e dalla Commissione europea con l'obiettivo di rendere la “giustizia civile” alla portata dei cittadini europei.

 

nazionaleLista News

Giornata Internazionale del Lascito Solidale: 2,8 milioni di italiani orientati a fare un testamento solidale e oltre 5 milioni pensano che sceglierlo sia “fare qualcosa di grande”

GIORNATA INTERNAZIONALE DEL LASCITO SOLIDALE (13 SETTEMBRE)

Progettare il futuro alla soglia (e spesso ben oltre) dei 50 anni? Si può e di fatto lo fanno molti italiani, che dopo la famiglia scelgono il lascito testamentario per fare qualcosa di bello e di grande che resterà anche quando loro non ci saranno più. Per colmare il gap culturale che ancora c’è nel nostro Paese, e che conferma l’Italia fanalino di coda in Europa in quanto a cultura testamentaria, il Comitato Testamento Solidale in collaborazione con il Consiglio Nazionale del Notariato lancia in occasione della Giornata Internazionale del Lascito Solidale (13 settembre) la nuova Campagna “Cosa vuoi fare da grande” e presenta il primo Open Day solidale in oltre 60 Consigli Notarili Distrettuali in tutta Italia per offrire consulenza istituzionale gratuita su questa forma di solidarietà. Per info, visita testamentosolidale.org e scarica la guida ai lasciti.

Chi da bambino non si è sentito chiedere almeno una volta “Cosa vuoi fare da grande?”. A distanza di tanti anni, 7,6 milioni di italiani over 40 hanno ricostruito i loro sogni d’infanzia raccontando le aspirazioni di allora. In vetta al podio delle “cose da grandi” di allora si trova “avere una bella famiglia” (scelta da quasi 2,9 milioni di italiani), seguita dal sogno di diventare un grande campione dello sport o un professionista affermato nel campo lavorativo (sogno di quasi 1,6 milioni di italiani da bambini). Da adulti, però, le cose cambiano. E quando si è già grandi e si riflette se c’è ancora tempo per fare “qualcosa di grande”, dopo la famiglia (che resta indiscussa in testa al podio, scelta dal 60% degli intervistati) sono le buone cause e la solidarietà verso le persone in condizioni di bisogno (scelte da 8,4 milioni di italiani) gli ambiti in grado di relegare in terza posizione la realizzazione professionale (confermata da meno di 6 milioni di nostri connazionali). In particolare, tra le buone azioni, i gesti concreti in cui questo si traduce sono il volontariato (opzione scelta dal 42% del campione intervistato ovvero 14,6 milioni di italiani over 40), la donazione del sangue (dal 37% degli intervistati ovvero da 12,7 milioni di italiani over 40) o con il sostegno ad una buona causa con un testamento solidale (gesto di solidarietà in cui si riconoscono oltre 5,6 milioni di italiani, ovvero il 16% del campione intervistato).

È quanto emerge dall’ultima indagine realizzata da Gfk Italia per Comitato Testamento Solidale, presentata questa mattina nel corso dell’evento “Testamento Solidale. Quando i grandi progetti non hanno età” organizzato dal Comitato Testamento Solidale di cui fanno parte 22 Organizzazioni non profit - ActionAid, AIL, AISM, Fondazione Don Gnocchi, Lega del Filo d’Oro, Save the Children, Aiuto alla Chiesa che Soffre Onlus, Amnesty International, Amref, CBM, Greenpeace, Intersos, Istituto Pasteur Italia Fondazione Cenci Bolognetti, Operation Smile Italia Onlus, Fondazione Telethon, Fondazione Umberto Veronesi, Progetto Arca, Telefono Azzurro, Unicef, Università Campus Bio-Medico di Roma, UICI e Vidas - con il patrocinio del Consiglio Nazionale del Notariato e di Pubblicità Progresso, con l’obiettivo di informare e sensibilizzare l’opinione pubblica sulla scelta di lasciare una traccia di sé anche quando non ci saremo più per sostenere una causa benefica e aiutare chi ne ha più bisogno anche dopo la morte. Il Comitato Testamento Solidale nel corso dell’evento ha presentato la nuova Campagna dal claim “Cosa vuoi fare da grande?”. Perché non è mai troppo tardi per fare nuovi progetti e pensare al futuro. Anche riflettendo concretamente sulla possibilità di “fare qualcosa di grande” come un testamento solidale.

“I dati emersi dall’indagine di Gfk Italia – spiega Rossano Bartoli portavoce del Comitato Testamento Solidale e presidente della Lega del Filo d’Oro. – mettono in evidenza che gli Italiani hanno a cuore chi è in difficoltà e mettono questa loro disponibilità ad aiutare il prossimo al secondo posto, subito dopo la famiglia, che spesso traducono inserendo un lascito nelle ultime volontà. Forse anche grazie al lavoro che il Comitato Testamento Solidale sta portando avanti dal 2013 per diffondere la cultura della solidarietà testamentaria, che oggi sta dando i primi frutti concreti. Sebbene l’Italia sia ancora fanalino di coda in Europa per quanto riguarda la cultura testamentaria e il tema fino a qualche anno fa sembrava essere un tabù, oggi i numeri sono incoraggianti.  Oltre 5 milioni di italiani associano all’idea di fare un testamento solidale quella di fare qualcosa di grande nella vita per lasciare un segno della propria generosità anche quando non ci saranno più Per questo abbiamo lanciato una nuova Campagna informativa che vuole diffondere un messaggio semplice: non è mai troppo tardi per fare progetti, per pensare in grande, per decidere di inserire un lascito nelle ultime volontà”

Nel corso dell’ultimo anno è aumentato il numero degli italiani che conosce il lascito solidale passando dal 57 al 57,7% ovvero 14,7 milioni di connazionali con un incremento che, seppur minimo, è comunque di segno positivo. Restano stabili gli italiani che si dichiarano orientati ad inserire un lascito nelle ultime volontà, a quota 2.8 milioni di persone, di cui circa 900 mila connazionali hanno già predisposto un testamento solidale e 1,9 milioni dichiara che lo prenderà certamente in considerazione.

I numeri positivi registrati dal testamento solidale – in termini sia di orientamento personale, sia di conoscenza da parte degli Italiani – sono quindi ancor più rilevanti se confrontati con l’andamento che hanno avuto le donazioni effettuate nel nostro Paese negli ultimi anni. Dopo 10 anni in cui le donazioni verso le organizzazioni non profit e altri enti benefici e assistenziali, in generale, avevano fatto registrare 5,8 milioni di donatori in meno rispetto al 2007, nell’ultimo anno si è riscontrata la prima inversione di tendenza e la percentuale dei donatori è passata dal 18 al 18,9. Un fatto storico se si pensa che nel 2005 a donare era 1 italiano su 3, perimetro che in 10 anni si era ristretto fino a toccare quota 1 su 5.

Non va dimenticato, infatti, che l’Italia rimane uno dei Paesi più generosi d’Europa. Si stima infatti in 87,5 miliardi di euro il valore di quanto i benefattori del Vecchio Continente donano in un anno. Per più di metà, rispettivamente con 25,3 e 23,8 miliardi, contribuiscono i cittadini del Regno Unito e della Germania. Ma al terzo posto vengono proprio gli Italiani, con 9,1 miliardi all’anno, seguiti da francesi (8,4), olandesi (4,4) e svizzeri (4,2). 

IL PRIMO OPEN DAY SOLIDALE PER OFFRIRE CONSULENZA ISTITUZIONALE GRATUITA A CHI VUOLE SAPERNE DI PIÙ SUL TESTAMENTO SOLIDALE

Per colmare il gap culturale nel nostro Paese sul tema della solidarietà testamentaria, il Comitato Testamento Solidale in collaborazione con il Consiglio Nazionale del Notariato lancia in occasione della Giornata Internazionale del Lascito Solidale (13 settembre) il primo Open Day solidale in oltre 60 Consigli Notarili Distrettuali in tutta Italia per offrire consulenza istituzionale gratuita su questa forma di solidarietà. “Il Consiglio nazionale del Notariato quest’anno ha rafforzato l’impegno al fianco del Comitato Testamento Solidale e, al fine di promuovere la conoscenza dei lasciti testamentari solidali, offrire tutte le informazioni per tutelare gli eredi legittimi e far in modo che i lasciti diventino una realtà sempre più tangibile, ha promosso la prima edizione dell’Open Day Solidale per offrire consulenza istituzionale gratuita a chi vuole saperne di più” ha spiegato Gianluca Abbate, Consigliere Nazionale del Notariato con delega al Sociale e al Terzo Settore.

Accedendo al sito www.testamentosolidale.org è possibile avere un’esaustiva panoramica sui progetti e le iniziative realizzati dalle associazioni non profit e scaricare la guida ai lasciti solidali che dà indicazioni dettagliati su come fare un lascito solidale. 

 

Per informazioni contattare l'ufficio stampa Comitato Testamento Solidale

Francesca Riccardi INC - Istituto Nazionale per la Comunicazione

Telefono 06 44160887 - 335 7251741 - Email f.riccardi@inc-comunicazione.it

Pages