Consulta l'archivio degli studi elaborati dalle Commissioni di studio, approvati dal Consiglio Nazionale del Notariato e ritenuti di interesse generale.

RSS

791
Studi presenti in archivio

CERCA

Studio 4-2018/ DI – La “certificazione di processo” nell’ambito delle copie informatiche di documenti analogici

Autore:

Gea Arcella, Sabrina Chibbaro, Ernesto Fabiani, Michele Manente, Antonino Mazzeo, Michele Nastri

26/02/2019

Sommario: 1. Premessa. – 2. Il quadro normativo di riferimento. – 3. La certificazione di processo; 3.1 Premessa; 3.2 La nozione di “certificazione di processo”. Il raffronto con istituti analoghi: la certificazione di prodotto e la certificazione di sistema; 3.3 Requisiti essenziali della “certificazione di processo”. Il raffronto con istituti analoghi: la metrologia legale; 3.4 L’elemento soggettivo della “certificazione di processo”: la competenza del notaio o di altro pubblico ufficiale a ciò autorizzato; 3.5 Segue: modalità di realizzazione della certificazione di processo e attività notarile; 3.6 L’efficacia probatoria della “certificazione di processo”. – 4. La peculiare ipotesi delle copie delle scritture private munite di sottoscrizione autografa. – 5. Conclusioni.

Studio n. 214-2018/C – Mutuo fondiario e “rinnovazione” dell’ipoteca oltre il ventennio

Autore:

Sergio Sideri

21/02/2019

Il presente lavoro costituisce un tentativo di chiarezza riguardo alla questione della rinnovabilità della ipoteca fondiaria come eccezione al principio di cui all’art. 2847 cod.civ.. L’analisi è stata effettuata su una base esclusivamente ermeneutica delle varie norme interessate al problema. In esso sono state analizzate le varie soluzioni dottrinali e giurisprudenziali che sono sfociate nella mancata condivisione della tesi sulla rinnovabilità della ipoteca fondiaria oltre il ventennio come deroga al principio generale di cui all’art 2847 cod.civ.. (…)

Studio 1-2018/ B – Le Regole tecniche elaborate dagli organismi di autoregolamentazione nella rete delle fonti del diritto

Autore:

Vincenzo Gunnella, Massimo Palazzo

12/02/2019

Sommario:1. Analisi di contesto. – 2. Le fonti, la piramide, la rete. – 3. Un soccorso epistemologico per il giurista-interprete tra identità del testo e varietà dei contesti. – 4. La portata normativa delle c.d. regole tecniche.

Studio n .230-2018/P – La modulazione del vincolo alberghiero: dalla multiproprietà ai condhotel

Autore:

Giuseppe Trapani

01/02/2019

Sommario: 1. Introduzione. 2. Il vincolo alberghiero. 3. Dal vincolo alberghiero alla destinazione urbanistica turistico recettiva. 4. La multiproprietà alberghiera e la Residenza Turistico Alberghiera. 5. La violazione del vincolo alberghiero e la lottizzazione abusiva. 6. I condhotel. 7. Conclusioni.

Studio n. 178-2018/T – La fatturazione elettronica negli studi notarili

Autore:

Nicola Forte

03/01/2019

Dal 1° gennaio 2019 entrerà in vigore l’obbligo di emissione delle fatture in formato digitale. Saranno esonerati solo i professionisti di “minori dimensioni” in quanto il nuovo adempimento interesserà la maggior parte degli esercenti arti e professioni. La novità non è in grado di incidere sulla disciplina sostanziale dell’Iva, ma solo sulle prassi contrarie alle disposizioni in vigore. Il legislatore ha modificato i termini di emissione delle fatture con decorrenza dal 1° luglio 2019, ma in questo caso è stato necessario un intervento normativo ad hoc. (…)

Studio n. 102-2018/I – La costituzione di patrimoni destinati ad uno specifico affare da parte degli enti del Terzo Settore

Autore:

Antonio Ruotolo

21/12/2018

La costituzione di patrimoni destinati è prevista, nel Codice del Terzo settore (d.lgs. 117/2017) dall’art. 10 e dall’art. 4, comma 3. La prima ipotesi, in cui vi è un richiamo espresso agli artt. 2447-bis e ss., c.c., si riferisce alla costituzione da parte di ETS dotati di personalità giuridica ed iscritti nel registro delle imprese. Previsione che, sul piano soggettivo, da un lato vale ad escludere le associazioni non riconosciute, le fondazioni in attesa di riconoscimento e le società di tipo diverso da quello capitalistico o cooperativo, in quanto difetta la personalità giuridica; ma, dall’altro lato, comporta un ampliamento della pletora dei soggetti che vi possono ricorrere, potendovi rientrare non solo le s.p.a., ma anche le s.r.l., le cooperative e tutti quegli enti che, dotati di personalità giuridica, esercitino la propria attività esclusivamente o principalmente in forma di impresa commerciale. (…)

Studio n. 118-2018/T – Evoluzioni giurisprudenziali in tema di tassazione ai fini del registro del riconoscimento del debito

Autore:

Paolo Puri

13/12/2018

Indice: 1. Premessa. – 2. La tassazione ai fini del registro in base agli effetti dell’atto. – 3. La tassazione ai fini dell’imposta di registro della ricognizione del debito nel dibattito giurisprudenziale e dottrinario. – 4. Il recente avallo della giurisprudenza di legittimità. – 5. L’applicazione del principio ai riconoscimenti di debito nell’ambito degli accordi in esecuzione degli strumenti di composizione della crisi d’impresa.

Studio n. 136-2018/C – Le disposizioni anticipate di trattamento

Autore:

Carmine Romano

06/12/2018

Sommario: 1. Considerazioni introduttive; 2. I leading cases e il percorso giurisprudenziale; 3. Le aree tematiche del testo normativo; 4. Le disposizioni anticipate di trattamento (le D.A.T.); 4.1 (segue) Il contenuto delle disposizioni anticipate; 4.2 (segue) Il fiduciario; 5. La capacità del disponente; 6. Il tempo di formulazione delle DAT; 7. La vicenda effettuale; 8. La conservazione, il rilascio di copie, la pubblicità delle disposizioni anticipate di trattamento; 9. Trattamento fiscale e disciplina transitoria.