Impresa

Come costituire una società? Quale tipologia risponde meglio alle proprie esigenze e agli scopi da raggiungere? È consigliabile rivolgersi per tempo al notaio per programmare la nascita e la vita di un’impresa. Leggi la sezione per saperne di più.

Casa

L’acquisto di una casa è certamente una delle operazioni economiche più importanti nella vita di una persona e il notaio per legge tutela acquirente e venditore. Visita la sezione per capire quali sono i passaggi da seguire prima del rogito e acquistare un immobile in totale sicurezza.

Famiglia

Famiglia e rapporti di parentela; donazioni e successioni; come tutelarsi in caso di convivenza o modificare il regime patrimoniale del matrimonio. Approfondisci tutto quello che c’è da sapere nella sezione e scopri come il notaio può aiutarti.

Si precisa che nella ricerca effettuata sui files PDF non vengono presi in considerazione i caratteri speciali. Per esempio:
' , ; . : _ - ? ! # @ * [ ] + ^ " / \ > < | ° § ! & ( ) { }

Ufficio Studi

Consulta l'archivio degli studi elaborati dalle Commissioni di studio, approvati dal Consiglio Nazionale del Notariato e ritenuti di interesse generale.

789results
  • Studio n. 2384/1999 - Obbligazioni familiari e fondo patrimoniale: i limiti all'esecuzione - di Giuseppe Trapani

    Il fondo patrimoniale, come recita l'art.  167 c.c., consiste nella imposizione convenzionale, da parte di uno dei coniugi o di entrambi o di un terzo, di un vincolo in forza del quale determinati beni, immobili o mobili iscritti in pubblici registri, o titoli di credito, sono destinati a far fronte ai bisogni della famiglia (ad sustinenda onera matrimonii). Esso pur costituendo un adeguamento dell'istituto del patrimonio familiare [1] alle nuove esigenze della famiglia, che, ormai, nella nuova configurazione dei rapporti patrimoniali fra i coniugi discendente dalla riforma del 1975, mal sopportava un vincolo così assorbente alla disponibilità dei beni, è, in realtà, una figura giuridica del tutto nuova. 

  • Studio n. 864-bis/1999 - Enti ecclesiastici con particolare riferimento al D.Lgs. n. 460/1997 - di Cinzia Brunelli

    La nozione di ente ecclesiastico - indica una categoria giuridica propria dell’ordinamento statuale e non dell’ordinamento canonico, - non è intrinseca alla natura dell’ente né a quella che lo stesso riveste ai fini del diritto canonico, - è attribuita dallo Stato in stretta relazione con l’attività effettivamente espletata dall’en­te, che deve perseguire fini di religione o di culto. Detta nozione va riferita non soltanto agli enti di culto cattolico, ma anche agli istituti di culti diversi dalla religione dello Stato, per usare la stessa ...

  • Studio n. 2393/199 - Semplificazione delle certificazioni amministrative e attività notarile - di Micol-Eloise D’Orio

    Con l’entrata in vigore, in data 23 febbraio 1999, del D.P.R. n. 403/98, contenente il regolamento di attuazione degli articoli 1-3 della legge n. 127/97 (c.d. Bassanini-bis), si è posto il problema relativo all’impatto delle norme in esso previste sull’attività notarile, non risultando infatti direttamente affrontate questioni di interesse prettamente notarile, che quindi necessitano di un approfondimento specifico, per corrispondere così alle esigenze di chiarimenti pratici ed applicativi in materia manifestate da Consigli Notarili e notai.

  • Studio n. 2393/1999 - Semplificazione delle certificazioni amministrative e attività notarile - di Micol-Eloise D’Orio

    Con l’entrata in vigore, in data 23 febbraio 1999, del D.P.R. n. 403/98, contenente il regolamento di attuazione degli articoli 1-3 della legge n. 127/97 (c.d. Bassanini-bis), si è posto il problema relativo all’impatto delle norme in esso previste sull’attività notarile, non risultando infatti direttamente affrontate questioni di interesse prettamente notarile, che quindi necessitano di un approfondimento specifico, per corrispondere così alle esigenze di chiarimenti pratici ed applicativi in materia manifestate da Consigli Notarili e notai.

  • Studio n. 2381/1999 - Ancora sulla prelazione urbana - di Salvatore Tondo

    1.1. Rispetto all'autonomia contrattuale, che si caratterizza quale libertà per la determinazione concordata d'assetti negoziali entro limiti d'ordine essenzialmente negativo (C. Civ. art. 1322/1 "Le parti possono liberamente determinare il contenuto del contratto nei limiti imposti dalla legge"), possono certo interferire, per quanto in via piuttosto eccezionale, anche limiti d'ordine positivo. Quali, tra l'altro, da potervi influenzare, più o meno decisivamente, la stessa determinazione e configurazione degli assetti corrispondenti. Sino, in ispecie, a implicarvi la complessa fenomenologia, per più versi piuttosto ardua, che viene caratterizzata, comunemente, come "contratto imposto...

  • Studio n. 1790/1999 - Usufrutto nella comunione legale - di Salvatore Tondo

    La comunione coniugale legale, quale introdotta nel vigente C. Civ. 1942 dalla L. 151/1975, obbedisce all'esigenza primaria, come veramente informativa dell'intero istituto, che abbiano egualitariamente a profittare a entrambi i coniugi gli incrementi che, a prescindere da puntuali verifiche, siano idealmente riportabili alla loro solidarietà e collaborazione. Ciò, a sua volta, è destinato a tradursi in due principî essenziali, da prendere e valutare, per meglio adeguarsi alla logica della materia, nel loro ordine funzionale. Quale, anzi tutto, nel fatto che cadono in comunione virtuale, da esprimersi in immediata comunanza solo di aspettativa, gli utili maturati durante il matrimonio (art. nov. 177/1 "Costituiscono oggetto della comunione: ...

  • Studio n. 2086/1999 - Enti non commerciali e non profit: aspetti di interesse civilistico alla luce del decreto "onlus" - di Marco Avagliano

    Con il D.Lgs. 4 dicembre 1997, n. 460 ("Riordino della disciplina tributaria degli enti non commerciali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale"), che recepisce ed attua i principi ed i criteri direttivi dettati dalla legge 23 dicembre 1996, n. 662, il legislatore italiano ha inteso realizzare una risistemazione organica della materia degli enti non commerciali e del cd. "terzo settore". In realtà la disciplina quale si viene ad evidenziare ad opera delle modificazioni ed integrazioni apportate dal succitato provvedimento ha essenzialmente carattere fiscale, e forse non comprende neanche l’intero ambito sopra evidenziato; è peraltro indubbio che ne raccoglie la parte più rilevante, e i riflessi di tipo civilistico sono comunque di non marginale profilo...

  • Studio n. 2350/1999 - Euro e diritto delle società - di Mario Stella Richter Jr

    1. Introduzione. 2. L'euro come misura del capitale sociale e del valore nominale delle partecipazioni sociali. 3. (segue) I nuovi minimi del capitale delle società per azioni, a responsabilità limitata e di assicurazione. 4. (segue) Il nuovo valore minimo delle azioni. 5. (segue) Il nuovo valore nominale minimo della quota di società a responsabilità limitata. 6. Il passaggio dalla lira all'euro nelle società costituite prima del 1° gennaio 2002. 7. Prime conclusioni.

  • Studio n. 1852/1999 - Eredità beneficiata concernente successione apertasi all'estero - di Emanuele Cal&ograve; - Antonio Ruotolo

    La pubblicazione del testamento appartiene alla lex loci, in quanto la legge applicabile al processo è quella dello Stato in cui si svolge (vedi art. 12 l. 218/1995); anzi, è da condividere la risalente opinione secondo la quale per i testamenti stranieri olografi debbono essere osservate le forme prescritte dalla legge del luogo di apertura della successione. Ciò, sulla scorta del principio che vuole applicabile ai profili procedurali la stessa disciplina del luogo in cui tale procedura è destinata a trovare svolgimento. Dalle esigenze di documentazione contemplate, ad es., dall’art. 106 L.N. relativo al deposito degli atti provenienti dall’estero e, più ...

  • Studio del 17 dicembre 1998 - Introduzione all'euro - di Angelo Busani - Cesare Licini

    Nei termini minimi necessari a queste note, si può definire con il termine moneta, il mezzo generale di scambio e di pagamento, e di unità di misura dei valori; caratterizzato, nell’attuale economia moderna, dall’accentuazione del profilo funzionale di astratto potere patrimoniale legato al puro nomen, e dalla tendenza al distacco dal materiale riferimento al suo contenuto metallico (smaterializzazione). Col termine unità monetaria o valuta, l’unità monetaria legale di un ordinamento giuridico, il quale, quando determina la propria unità valutaria, si designa come ordinamento valutario caratterizzato dalla circolazione di propri strumenti monetari (E. Quadri, Le obbligazioni pecuniarie, in Trattato di diritto ...