MENU

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE
DEL NOTARIATO

Studio n. 106-2011/T – Vendita immobiliare in regime tavolare – Termini e modalità di registrazione

Autore:

Carlo Bordieri

27/10/2014

 
Un notaio, che esercita le proprie funzioni in territorio ove vige il sistema di pubblicità immobiliare tavolare, di cui al R.D. 28 marzo 1929, n. 499, premettendo un’ampia dissertazione sulla natura e sugli effetti del decreto di intavolazione di diritti reali immobiliari in relazione all’applicazione delle norme di cui al T.U. sull’imposta di registro 131/1986, chiede, alla fine, alla Commissione Studi Tributari di rispondere ai seguenti quesiti:
a) la natura del Decreto di intavolazione, alla luce di quanto esposto, è quella di un elemento essenziale della fattispecie a formazione progressiva, negli atti soggetti a regime tavolare, tale che pertanto non può essere assunto come elemento di una condizione (sospensiva o juris et de jure)?
b) può una legge Regionale Friuli Venezia Giulia (n° 12/2009, art. 14, comma 30) modificare il sistema di notificazione disciplinato dall’art. 14, commi 1° e 2°, D.P.R. 131/86, che non risulta siano stati coordinati di conseguenza?
c) può legittimamente l’Agenzia delle Entrate disapplicare le norme degli artt. 14 e 27, D.P.R. 131/86, sol perché il sistema di registrazione telematico, in uso presso la stessa, non contempla il procedimento di registrazione differito, previsto dal TUR?
d) Si può considerare via percorribile, in mancanza di altro rimedio, indicare la data di ricevuta notifica del Decreto di Intavolazione, come data finale del procedimento a formazione progressiva, ritenendo soggetto a registrazione l’ultimo atto di essa e cioè il Decreto di intavolazione, del quale l’atto notarile è documento connesso, non autonomamente soggetto a registrazione, se non nel caso di registrazione a titolo volontario (ex art. 27, comma 5°, seconda alinea, D.P.R. 131/86)?
 

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin